Ecco chi potrà avere il bonus da 1000 euro

1 mese fa
3 Giugno 2020
di redazione

Prima il decreto Cura Italia. Poi il decreto Rilancio. E in più tante circolari, provvedimenti interministeriali, messaggi e chi più ne più ne metta. La giungla dei bonus pensati per il Covid-19 per autonomi e partite Iva si fa sempre più intricata e districarsi tra tutti i requisiti e le novità è compito per nulla semplice. È il Sole 24 Ore a provare a far chiarezza mettendo insieme tutto ciò che c’è da sapere sugli aiuti per i lavoratori autonomi e le partite Iva introdotti dai decreti Cura Italia e Rilancio. Le novità riguardano non solo i bonus per il mese di maggio, ma anche quello precedente di marzo e aprile.

I bonus per autonomi e partite Iva a marzo e aprile
Per i lavoratori autonomi che hanno una partita Iva attiva al 23 febbraio e che sono iscritti alla gestione separata il bonus è di 600 euro a marzo e di altri 600 euro ad aprile. L’Inps ha precisato che dal momento dell’apertura della partita Iva ci sono 30 giorni per iscriversi alla gestione separata. Quindi è sufficiente che al 23 febbraio sia stata registrata la partita Iva all’Agenzia delle Entrate. Il bonus può essere ricevuto anche se è stata completata l’iscrizione alla gestione separata quando non è ancora stata indicata la partita Iva, magari perché si è componenti di uno studio associato. In questi casi basta indicarne gli estremi. Per commercianti, artigiani, coltivatori diretti e non pensionati i 600 euro di marzo e aprile vengono erogati se è stata effettuata l’iscrizione alle relative gestioni previdenziali INPS. Fonte: Fanpage

temi di questo post