Cronaca

Coronavirus. Che orrore: cadaveri gettati nei cassonetti e bruciati in strada

di  Redazione  -  3 Aprile 2020

Cadaveri gettati nei cassonetti. Cadavere bruciati, in strada. Davanti alle persone terrorizzate.

Sono scene drammatiche e infernali quelle vissute negli ultimi giorni a Guayaquil, la città che più di tutte le altre registra casi positivi di coronavirus in Ecuador.

Secondo quanto riferito dai media del Paese, i corpi di coloro che sono morti nelle case, per il virus o per altri motivi, hanno iniziato a essere gettati sui marciapiedi, negli angoli, nei portoni o nei contenitori dell’immondizia, avvolti in rudimentali sacchi di plastica.

Il problema del recupero delle persone decedute in città dura da più di una settimana, e le drammatiche foto dei cadaveri ritrovati in strada si sono diffuse rapidamente sui social network del Paese.

Il ritardo e la paura di contrarre il Covid-19 hanno portato i cittadini a scelte disperate e, tra domenica e lunedì, i cadaveri di persone decedute con sintomi del virus o altre patologie sono iniziati ad apparire abbandonati negli angoli della città.

Testimoni denunciano di aver chiamato i numeri di emergenza per far ritirare i morti, ma nessuno ha dato loro una soluzione e i corpi sono rimasti in casa per due e anche quattro giorni di attesa. Una cosa fuori dal mondo.

Guayaquil registra 1.615 casi sul totale di 2.302 nel Paese.

Le autorità ecuadoriane hanno riconosciuto le difficoltà nel ritirare i cadaveri delle persone decedute, e di fronte a questa situazione il presidente Lenín Moreno ha annunciato lunedì la creazione di una Task Force sotto la responsabilità di Jorge Wated, in modo che «i compatrioti che sono morti a Guayaquil abbiano la degna sepoltura che meritano».

Wated ha riferito che le misure per velocizzare le sepolture «sono state già avviate e che i corpi riceveranno una tomba personale e non saranno messi in una fossa comune», come inizialmente proposto dalle autorità. Nel luogo, era stato anche proposto di realizzare un mausoleo, in ricordo dei deceduti. Fonte: Leggo.