Asilo degli Orrori: bambini massacrati di botte e costretti a terribili umiliazioni. Le Maestre non avevano pietà.

7 mesi fa
21 Dicembre 2019
di redazione

Secondo l’accusa, sarebbero diversi i casi di maltrattamenti riscontrati durante le indagini. In alcuni casi le maestre avrebbero strattonato e percosso al capo i bambini, in latri li avrebbero trascinato con le orecchie. In molte occasioni invece pare che i bimbi venissero umiliati e irrisi davanti ai compagni.

 

 

I genitori affidavano loro i bimbi piccoli credendoli al sicuro e protetti ma in realtà in quell’asilo ogni giorno i piccoli alunni sarebbero stati insultai, umiliati e maltrattati fisicamente fino a provocare in alcuni di loro uno stato di malessere psicologico evidente. A questa conclusione sono arrivati i poliziotti della squadra mobile di Udine  al termine di una delicata indagine per maltrattamenti su minori coordinata dalla locale Procura della Repubblica e che ha visto al centro degli accertamenti le condotte di due maestre d’asilo di una scuola dell’infanzia della provincia di Udine. Le due insegnanti, in attesa di altri accertamenti investigativi, sono state denunciate a piede libero per maltrattamenti ai danni dei piccoli e sospese da ogni insegnamento per la durata di otto mesi.

Le indagini sono partite a seguito della denuncia dei genitori di alcuni piccoli alluni dell’asilo che si erano accorti degli strani comportamenti dei bimbi connessi con la frequentazione scolastica. In seguito agli accertamenti, i poliziotti friulani hanno raccolto diverse testimonianze e acquisito anche alcune immagini in cui si vedrebbero le maestre che maltrattano i bimbi. Da qui la denuncia e la richiesta di sospensione dal lavoro per evitare il contatto con le piccole vittime. Secondo l’accusa, sarebbero diversi i casi di maltrattamenti riscontrati durante le indagini. In alcuni casi le maestre avrebbero strattonato e percosso al capo i bambini, mentre almeno in un caso un bimbo sarebbe stato afferrato per un orecchio e trascinato via per alcuni metri. In molte occasioni invece pare che i bimbi venissero umiliati e irrisi davanti ai compagni per come avevano svolto i compiti o per essersi sporcati.

A far scattare le violenze i comportamenti ritenuti non corretti dalle due insegnanti che, stando sempre all’accusa, avrebbero preso di mira in particolare alcuni bimbi stranieri che, a causa delle difficoltà linguistiche, non ubbidivano subito ai richiami atteggiamenti che, secondo la polizia, avrebbero creato un clima di terrore in aula. Elementi che infine hanno convinto il di Udine a emettere, su richiesta della Procura, un’ordinanza di sospensione dall’insegnamento per 8 mesi.

 

 

Fonte: Fanpage.it