Ammazza la sorella a coltellate, poi chiama la polizia: “Ho ucciso mia sorella”

Salvatore Cimitile, 55 anni, uccide la sorella Vincenza a coltellate. La vicenda sconvolge il comune di Acerra.
sei in  Cronaca

7 mesi fa - 26 Aprile 2021

Una notizia dai contorni torbidi e inquietanti ha sconvolto il capoluogo campano. Ora sta rapidamente facendo il giro del web, suscitando varie reazioni presso l’opinione pubblica.

Il comune napoletano di Acerra è sotto shock: un uomo, Salvatore Cimitile, ha assassinato sua sorella, Vincenza. Subito dopo, ha telefonato alla polizia, per poi barricarsi all’interno sua abitazione napoletano.

La vicenda

Gli agenti di polizia del commissariato di Acerra hanno proceduto, poi, a metterlo agli arresti. La vicenda è avvenuta nel corso di questa mattinata, poco dopo le 11.

Subito dopo la telefonata, gli agenti di Acerra hanno raggiunto l’abitazione sita in via Rossellini. Qui, hanno trovato la donna che giaceva sulle scale del palazzo.

Il corpo di Vincenza era già privo di vita. Il fratello, invece, si era chiuso all’interno della casa e in un primo momento si rifiutava di uscire.

Soltanto dopo vari tentativi, gli agenti hanno raggiunto l’obiettivo di convincere l’uomo ad aprire la porta e a farli entrare.

Una volta entrati nell’abitazione, gli agenti hanno prelevato l’uomo e lo hanno condotto in commissariato, dove sono avvenuti gli arresti.

Le indagini

Salvatore ha 55 anni, mentre la sorella ne aveva solo uno in più, 56. Gli inquirenti e le autorità competenti stanno attualmente indagando sulle cause che lo hanno portato a compiere il fatale gesto.

Per il momento, restano sconosciute le motivazioni che possono stare alla base dell’atto irrimediabile.

Tuttavia, secondo le prime indiscrezioni emergenti dal quadro ricostruttivo, sembra che Salvatore sia affetto da gravi problemi psichici.

Al punto tale da essere in cura presso una struttura clinica specializzata, nelle vicinanze della casa. Per ragioni ancora ignote, dunque, Salvatore Cimitile avrebbe ucciso la sorella con delle coltellate.

Poi, l’avrebbe lasciata sulle scale e si barricato in casa. Qui, gli agenti della polizia lo hanno trovato in stato confusionale.

Ammazza la sorella a coltellate, poi chiama la polizia: “Ho ucciso mia sorella”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST