VOLA dall’altra parte del MONDO per incontrare la RAGAZZA conosciuta ONLINE, poi l’episodio che gli CAMBIA la VITA

sei in  Cronaca

3 anni fa - 3 Settembre 2018

VOLA dall’altra parte del MONDO per incontrare la RAGAZZA conosciuta ONLINE, poi l’episodio che gli CAMBIA la VITA

Voleva andare in Vietnam per conoscere la donna che aveva conosciuto online, ma una volta arrivato nel suo paese la famiglia di lei li costringe a sposarsi. Un primo appuntamento decisamente precipitoso quello che ha vissuto un 42enne di Reggio Emilia che è passato dalle videochiamate su Skype all’altare.

I fatti

Risalgono al maggio del 2013 quando degli amici dell’uomo lo hanno messo in contatto con la ragazza, loro nipote. I due hanno poi offerto all’uomo un biglietto per il Vietnam qualche mese dopo per conoscere dal vivo la giovane, ma una volta lì è stato costretto a sposarsi. Un’azione decisamente violenta tanto che ogg, a distanza di cinque anni, la prima sezione civile del tribunale di Reggio Emilia ha annullato le nozze. Dopo essere arrivato in Vietnam il 42enne è stato condotto da Ly, che oggi ha 25 anni, nel villaggio in cui viveva con tutta la famiglia. A quel punto è stato costretto a consegnare il passaporto e a dare alla famiglia 3 mila euro, con il passare dei giorni, dopo essere stato costretto a vivere sempre all’interno di una capanna, gli vengono comunicate le nozze. Messo alle strette partecipa al matrimonio e firma i documenti, risultando così regolarmente sposato con Ly, come riporta il Resto del Carlino, subito dopo viene rimandato in Italia e costretto a far chiedere alla giovane moglie il permesso di soggiorno in Italia come moglie di un cittadino italiano.
A due settimane delle nozze la giovane moglie sparisce nel nulla e il 42enne si rivolge a degli avvocati per chiedere l’annullamento del matrimonio che ha ottenuto proprio in questi giorni dopo una lunga battaglia legale. (Leggo)

VOLA dall’altra parte del MONDO per incontrare la RAGAZZA conosciuta ONLINE, poi l’episodio che gli CAMBIA la VITA
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso