Una famiglia cancellata : chi era Filippo Nascimbene, morto nell’incidente aereo a Milano con la moglie Claire e il figlio

L’incidente dopo il battesimo del bimbo di un anno e mezzo
sei in  Cronaca

2 mesi fa - 4 Ottobre 2021

L’incidente dopo il battesimo del bimbo di un anno e mezzo.

Lui manager di una società di consulenza, lei una carriera nella pubblicità.

Nello schianto morta anche la nonna.
I colleghi di Nascimbene: increduli e sconvolti, non dimenticheremo mai,
la tua gentilezza e il tuo sorriso.

Il battesimo del piccolo Raphael.

Il volo per Olbia, in Gallura,
nella villa degli amici Petrescu.

L’ultima domenica della famiglia
Nascimbene doveva essere una festa.

Il papà: Filippo, 33 anni, radici a Pavia, già nella società di recruitment Hays.

Andrea Poletti & associati, Wiser e ,
Gi Group, infine manager ,
della Start Hub Consulting, società milanese, basata in zona Maciachini, formazione economica all’Università degli Studi del Piemonte Orientale.

La famiglia a Casale Monferrato,
dove è nato e cresciuto,
il fratello Cesare e la sorella Mariasole ora distrutti dal dolore, e il padre Alberto, assicuratore,
morto nel 2020 a 64 anni.

La moglie, e mamma del piccolo Raphael: Claire Stephanie Caroline Alexandrescou, franco-romena, 34 anni, studi internazionali, Universidad del Pacifico, corso a Cambridge.

Programma Grande Ecole all’Escp Europe, esperienze di lavoro ,nelle francesi Bnp e L’Oréal, poi product manager da Kiko, fino all’approdo a Pernod Ricard, senior advertising & content digital manager del Sud Europa.

Una coppia internazionale, e dunque molto milanese.

Le foto della Galleria Vittorio Emanuele II suo post su Facebook:
Claire scriveva: «La mia città!».

Raphael era nato ,nel gennaio del 2020. Domenica mattina 3 ottobre,
il suo battesimo.

Era arrivata anche la nonna, Miruna Anca Wanda Lozinschi.

Alle 13.07 lo schianto mortale ,
del Pilatus Pc-12, appena decollato ,
dal vicinissimo aeroporto di Linate e diretto a Olbia.
Una famiglia cancellata.

Filippo e Claire.
Due carriere parallele.

Il mondo milanese delle startup e del marketing.
I successi.

«Vincere un premio è bello, ma vincerlo per una buona causa è ancora meglio», scriveva Claire su Linkedin, accompagnando la foto, di una campagna pubblicitaria da award.

Sconvolti i colleghi di Nascimbene,
che questa mattina, lunedì 4 ottobre,
si sono recati, negli uffici della Start Hub Consulting ,dove la vittima era sales manager.

«Siamo ancora increduli per la tragedia e la scomparsa di Filippo , spiega Fabio, un collega .

A nome di tutto il team ,ci uniamo al dolore della famiglia ,per la perdita di un amico e un collega».

Filippo era nella Start Hub Consulting da poco meno di due anni.

«Aveva iniziato qui subito prima del lockdown nel 2020», raccontano i colleghi:

«L’inizio di un lavoro in una nuova realtà, si sa, è sempre molto complicato.

Serve tempo per capire le dinamiche e affinare le alchimie.

I primi mesi con il distanziamento forzato ,e i meet online, come unico contatto con tutti noi, tuttavia, non erano stati un ostacolo per Filippo.

Con le sue grandi capacità ,
si era inserito subito a meraviglia,
e già dopo poco tempo ,sembrava essere da sempre uno #starthubber.

In questi due anni con la sua professionalità, la sua preparazione ,
e la sua grande energia ,ha dato un contributo fondamentale al lancio,
e al consolidamento di tanti dei nostri progetti.

Ciao Filippo, non dimenticheremo mai la tua gentilezza e il tuo sorriso…».

Una famiglia cancellata : chi era Filippo Nascimbene, morto nell’incidente aereo a Milano con la moglie Claire e il figlio
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso