Ultim’ora: Draghi tira dritto con l’UE: in Italia passa la linea della prudenza sul Covid

sei in  Cronaca

1 mese fa - 16 Dicembre 2021

«La variante Omicron in Italia per ora è meno diffusa che in altri Stati membri. Occorre mantenere questo vantaggio a protezione del nostro Sistema sanitario nazionale». Davanti al Consiglio europeo di Bruxelles il premier Mario Draghi ha tenuto il punto sulle ultime decisioni anti Covid, non poco criticate dall’estero, soprattutto in merito ai tamponi imposti a chi entra in Italia e alla quarantena per i non vaccinati. E se la Ue, dal canto suo, ha sottolineato nuovamente «l’importanza di un approccio coordinato» anche sulla «validità del Green Pass», specificando che le restrizioni «devono essere basate su criteri oggettivi, non devono danneggiare il funzionamento del mercato unico e non ostacolare in maniera sproporzionata la libertà di circolazione tra gli Stati membri o di viaggiare in Ue», Draghi tira dritto: «C’è un vantaggio da mantenere ed è questa la ragione alla base della decisione di far fare i test a chi entra in Italia», ha detto. «Il coordinamento a livello Ue deve essere guidato dal principio di massima cautela».

Ultim’ora: Draghi tira dritto con l’UE: in Italia passa la linea della prudenza sul Covid
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST