Attualità

Si prospetta ottobre nero per gli italiani:rincari di oltre il 100% se il prezzo del gas non dovesse scendere.

Si prospetta ottobre nero per gli italiani:rincari di oltre il 100% se il prezzo del gas non dovesse scendere.

Con il prezzo del gas attuale,200 euro a megawattora,si prospetta un autunno di rincari.

Ad ottobre le bollette aumenteranno del 100%.

Nonostante il governo possa confermare l’impegno nel calmierare i prezzi, difficilmente si riuscirà a contrastare l’aumento.

Mentre il governo si appresta a varare un nuovo decreto aiuti l’Autorità per l’energia, con una segnalazione inviata venerdì scorso al Parlamento, rilancia l’allarme caro-energia. Arera, innanzitutto, segnala le «forti criticità per il sistema nazionale in relazione alla situazione di crisi dei sistemi energetici legata ai prezzi estremamente elevati raggiunti sui mercati all’ingrosso, per effetto dell’ormai conclamato uso del gas quale strumento di pressione sulle economie europee».

Di suo l’Autorità, proprio la scorsa settimana, ha deciso di modificare il meccanismo di formazione dei prezzi del servizio di tutela del gas naturale a partire dal prossimo mese di ottobre, decidendo di calcolare ogni mese (anziché trimestralmente) i nuovi prezzi e di non utilizzare più come riferimento le quotazioni a termine del mercato all’ingrosso, ma la media dei prezzi effettivi del mercato all’ingrosso italiano. Ma ovviamente questo non basta: occorrerà adottare misure straordinarie a fronte di uno scenario dei prossimi mesi che viene definito «drammatico».

La concentrazione nel mese di agosto degli approvvigionamenti per l’autunno-inverno,

assieme all’incertezza circa la disponibilità effettiva di un’adeguata offerta di gas, potrebbe creare un ulteriore incremento dei prezzi.

Col risultato di forti ripercussioni prima sull’equilibrio economico finanziario del sistema e poi su tutti gli italiani che sarebbero chiamati a «socializzare» i costi del crack del sistema. Per correre ai riparo l’Autorità guidata da Stefano Besseghini suggerisce di ripristinare l’equilibrio domanda/offerta, «sia attraverso la riduzione della domanda su base volontaria, anche attraverso indifferibili campagne di comunicazione»; sia attraverso «l’identificazione di meccanismi per la gestione di interventi da adottare in caso di emergenza». Andrebbero poi fissati a livello europeo tetti temporanei dei prezzi all’ingrosso, e – come già segnalato più volte – andrebbe prorogata la fine della tutela di prezzo per i clienti domestici che scade a fine anno. Insomma, il governo (pur se dimissionario) è avvertito.

Condividi

Luigi Graziano Di Matteo

Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
#divietodibalneazione
Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne
#fareham
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne