Attualità

Maria (101 anni) supera guerra, Spagnola e tre ricadute di Covid

Maria (101 anni) supera guerra, Spagnola e tre ricadute di Covid

Appena nata è sopravvissuta alla pandemia di influenza Spagnola; si è sposata durante la seconda guerra mondiale, ha cresciuto sei figli, ha sempre fatto la contadina; ha vissuto circondata dall’affetto di nipoti e pronipoti. Ora nonna Maria ha sconfitto il Coronavirus dopo essere risultata positiva tre volte al tampone, e altrettante essersi negativizzata, nell’arco di nove mesi.

La storia, che persino i medici fanno fatica a spiegare, arriva dalla Valtellina : Maria Orsingher è nata il 21 luglio 1919 nella piccola frazione di Gaggio, ad Ardenno. Una vita spesa tra i campi, gli animali da accudire e il focolare domestico. Se l’è sempre cavata da sola, mai un acciacco se non quelli legati all’età che avanza, poi nel 2009 si è trasferita dalla figlia a Buglio in Monte, infine sei anni fa l’ospitalità nella vicina casa di riposo di Ardenno. Ed è qui che la scorsa primavera, all’inizio della pandemia, è risultata per la prima volta positiva al virus. «Il test non lasciava dubbi, aveva il Covid. L’hanno curata nella Rsa, ha superato la malattia, pensavano che il peggio fosse passato. Invece a settembre ha iniziato ad avere qualche linea di febbre, questa volta si è reso necessario il ricovero in ospedale dove è rimasta 18 giorni Impossibile scordare nonna Maria ,dicono gli operatori sanitari . Piccola e fragile all’apparenza, con sintomi molto lievi e un carattere di ferro. Non aveva nemmeno problemi respiratori. Il ricovero è stato più che altro a scopo cautelativo.
Gli esperti spiegano che i casi di reinfezione si contano sulle dita d’una mano, non è escluso che qualche tampone abbia dato un falso negativo, che la carica virale fosse così bassa da non essere stata riscontrata dal test.
Ma ci sono cose che nemmeno la scienza a volte riesce a spiegare, come l’indomita forza di questa vecchietta.
Quando è stata dimessa dall’ospedale Maria non ha esitato un istante a chiedere la sua ricompensa per essere scampata di nuovo al Covid: risotto giallo e una porzione di polenta.
Ora i familiari non vedono l’ora di riabbracciarla.

di Jennifer Pagano