«Tutta colpa di quel negro» Attendono troppo il medico e i pazienti sbottano contro l’immigrato

sei in  Cronaca

di  Redazione

«Tutta colpa di quel negro» Attendono troppo il medico e i pazienti sbottano contro l’immigrato

21 Settembre 2018

Condividi

«Tutta colpa di quel negro» Attendono troppo il medico e i pazienti sbottano contro l’immigrato

Si sono lamentati di dover aspettare il proprio turno in ospedale “per colpa di un negro”. E’ accaduto al nosocomio San Giovanni di Dio di Cagliari. A raccontarlo su Fb la dottoressa testimone dell’accaduto, Maria Cristina Deidda, spiegando che dovendosi allontanare per una consulenza specialistica “ad un paziente di origine senegalese”, “ben quattro persone, accompagnatori di miei pazienti, si sono lamentate di dover attendere per ‘colpa di un negro'”.

Il post dela dottoressa

“Chiedo scusa, a nome dei concittadini sconosciuti ma intolleranti nei riguardi del paziente. Mi vergogno profondamente”, scrive ancora su Facebook Maria Cristina Deidda, la dottoressa, medico specialista in oncologia e cure palliative all’ospedale San Giovanni di Dio, dell’azienda Ospedaliero universitaria di Cagliari, che ha denunciato pubblicamente il commento dal sapore razzista di alcuni accompagnatori di pazienti nel suo ambulatorio per un’attesa prolungata a causa di una consulenza specialistica fatta ad una persona di origine senegalese. “Tutti i nostri pazienti, e sottolineo, indistintamente tutti, sono amorevolmente trattati e supportati, poiché questo comportamento nelle cure palliative è indispensabile – aggiunge – pur sentendo in tutta Italia di comportamenti intolleranti e discriminanti, mi ero illusa che nel nostro ambulatorio, proprio a causa della delicatezza delle patologie trattate, l’animo umano fosse più compassionevole verso l’altrui persona”. (Tgcom24)

Cronaca

Bimbo di 7 anni muore in casa: stroncato da un infarto Strage all’asilo : continuano le indagini. “Tommaso, prenditi cura dei tuoi compagni feriti”
leggi articoli di  Cronaca
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST negro ospedale pazienti