Studente universitario 27enne, muore nell’esplosione per una fuga di gas

Studente universitario 27enne, muore nell'esplosione per una fuga di gas
sei in  Cronaca

2 mesi fa - 9 Dicembre 2021

Dario Di Nolfo, uno studente di 27 anni originario di Agrigento, è morto a Lisbona. Il giovane si trovava in Portogallo per l’Erasmus. E’ morto a causa delle gravi ferite riportate

nell’esplosione avvenuta per una fuga di gas. Nell’esplosione avvenuta venerdì sono rimaste ferite altre cinque persone. Nonostante i tentativi di soccorso il 27enne non è riuscito a sopravvivere alle ferite

causate dalla deflagrazione. Secondo quanto riporta la Cnn l’esplosione è avvenuta al primo piano di un palazzo ed è stata seguita da un incendio.Tanti i messaggi di condoglianze postati sui social per

la famiglia del giovane studente. Il sindaco di Agrigento Francesco Micciché si associa anche a nome della giunta “al dolore della famiglia dell’amico Roberto Di Nolfo

per la morte del giovane figlio Dario”. Profondo dolore anche da dirigenti, tecnici, giocatori e collaboratori dell’Akragas Calcio “per la tragica scomparsa in

Portogallo del giovane agrigentino Dario Di Nolfo, figlio di Roberto tifosissimo dell’Akragas e da sempre vicino alla Società biancazzurra. L’Akragas esprime la propria

vicinanza e le più sentite condoglianze alla famiglia Di Nolfo”. Profondo dolore anche da dirigenti, tecnici, giocatori e collaboratori dell’Akragas Calcio “per la tragica

scomparsa in Portogallo del giovane agrigentino Dario Di Nolfo, figlio di Roberto tifosissimo dell’Akragas e da sempre vicino alla Società biancazzurra. L’Akragas esprime la

propria vicinanza e le più sentite condoglianze alla famiglia Di Nolfo”.Tanti i messaggi di condoglianze postati sui social per la famiglia del giovane studente.

Il sindaco di Agrigento Francesco Micciché si associa anche a nome della giunta “al dolore della famiglia dell’amico Roberto Di Nolfo per la morte del giovane figlio Dario”.

Studente universitario 27enne, muore nell’esplosione per una fuga di gas
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso