STOP alle CHAT tra genitori e insegnati: «Sono ingestibili». Si torna ai “vecchi metodi”

sei in  Lifestyle

3 anni fa - 3 Settembre 2018

STOP alle CHAT tra genitori e insegnati: «Sono ingestibili». Si torna ai “vecchi metodi”

Al più presto la nomina del rappresentante dei genitori e rapporto diretto con educatrici e amministrazione comunale: è questa in sintesi la direzione assunta dal Comune di Monte San Savino, in provincia di Arezzo per ciò che riguarda le chat tra genitori e insegnanti. Durante una riunione con le famiglie per la ripresa delle attività, l’assessore alle Politiche sociali e alla Scuola Erica Rampini e le maestre dell’asilo nido hanno comunicato che il gruppo Whatsapp di genitori e insegnanti sarebbe stato chiuso. Questo perché la chat “è fonte di confusione, genera stress e spesso produce informazioni distorte”. Lo riporta La Nazione.

La scuola

“Abbiamo detto alle famiglie che a breve si terrà l’elezione dei rappresentanti e che questa sarebbe stata l’unica modalità ufficiale per la comunicazione con il Comune, noi e le educatrici non gradiamo essere inclusi in chat di gruppo”, ha spiegato l’assessore Rampini. Una decisione dovuta a vecchie esperienze di errata comunicazione.Le reazioni alla notizia sono state differenti. C’è chi ha interpretato la decisione come un ritorno al passato e chi, invece, l’ha accolta positivamente. “Sarà il Comune a fornire le informazioni importanti che riguardano il funzionamento dei servizi attraverso i canali ufficiali, mediante i quali saranno ascoltate le necessità delle famiglie grazie alle sollecitazioni del rappresentante dei genitori”, ha concluso l’assessore. (Punto Famiglia)

STOP alle CHAT tra genitori e insegnati: «Sono ingestibili». Si torna ai “vecchi metodi”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Lifestyle Condividi adesso