«Me l’hanno uccisa 2 volte» GUARDIA GIURATA fa SESSO in OBITORIO col CADAVERE di una DONNA in attesa dei funerali 

sei in  Cronaca

3 anni fa - 3 Settembre 2018

«Me l’hanno uccisa 2 volte» GUARDIA GIURATA fa SESSO in OBITORIO col CADAVERE di una DONNA in attesa dei funerali

Era addetto alla vigilanza in ospedale ma, invece di evitare che qualcuno si intrufolasse nella struttura, ne ha approfittato per abusare sessualmente del cadavere di un donna appena morta durante un ricovero in ospedale e quindi  deposto in obitorio in attesa dei funerali. È l’assurdo gesto di un vigilantes 23enne statunitense, Cameron Wright, beccato proprio mentre abusava  della salma all’interno dei locali dell’ospedale S. Francis di Memphis, in Tennessee. a scoprirlo un suo collega che ha subito chiamato la polizia facendolo arrestare . L’uomo , portato in centrale ha subito ammesso le sue colpe ed ora è in carcere in attesa del processo.

Le dichiarazioni del padre della vittima

“Eravamo già affranti dal dolore ma quando ho scoperto che la stavano facendo soffrire ancora, mi ha fatto ancora più male “, ha raccontato con strazio il padre della vittima, una maestra d’asilo di 37 anni vittima di un attacco cardiaco. “Ciò di cui abbiamo bisogno ora sono alcune risposte. Abbiamo bisogno di risposte concrete e capire tutti i responsabili” ha aggiunto l’uomo. Dall’ospedale hanno rilasciato una dichiarazione spiegando di essere “rattristati” dall’incidente e annunciando di aver licenziato Wright. “Trattare le persone con dignità e rispetto è la nostra priorità assoluta. Il comportamento di questo individuo non rappresenta quello che è il nostro ospedale, e queste azioni sono completamente inaccettabili”, si legge nella nota riportata dai giornali locali . L’ospedale ha spiegato infine che le loro guardie sono contattate attraverso una società specializzata e sottoposte a controlli severi sul loro passato. (Fanpage)

«Me l’hanno uccisa 2 volte» GUARDIA GIURATA fa SESSO in OBITORIO col CADAVERE di una DONNA in attesa dei funerali 
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso