«Mamma non lasciarci qui» Abbandona le figlie in auto per andare alla festa: sorelline di 1 e 2 anni muoiono soffocate

sei in  Esteri

3 anni fa - 28 Settembre 2018

«Mamma non lasciarci qui» Abbandona le figlie in auto per andare alla festa: sorelline di 1 e 2 anni muoiono soffocate

Voleva andare a quella festa, divertirsi, scatenarsi e non pensare a niente. Neanche alle sue due figlie di uno e due anni, che quella sera di giugno dell’anno scorso erano per lei un peso che non sapeva a chi scaricare. E così, pur di non rinunciare, le ha portate con sé, le ha chiuse tutte e due in auto ed è entrata nella casa dei suoi amici a Kerrville, in Texas, per dare il via a una nottata di follie: quindici ore durante le quali Amanda Kristene Hawkins non si è curata minimamente delle sue piccole. Solo all’ora di pranzo del giorno successivo, quando si è svegliata, si è degnata di andarle a prendere. Ma a quel punto Addyson Overgard-Eddy, due anni, e Brynn Hawkins, un anno, figlie di due padri diversi, erano ormai in fin di vita per il calore insopportabile che si era sviluppato nell’auto: morirono poco dopo essere state portate in un ospedale di San Antonio.

La decisione della Corte

A oltre un anno di distanza, finalmente lunedì scorso Amanda ha deciso di dichiararsi colpevole in tribunale, accollandosi quattro capi d’imputazione, per ciascuno dei quali rischia dai due ai venti anni di carcere. La sentenza arriverà a dicembre, e probabilmente non sarà mite: Amanda, durante quella notte sciagurata, ha mostrato un disinteresse totale per le figlie e un’incoscienza al di sopra di ogni immaginazione. Alcuni dei suoi amici l’avevano anche avvertita di aver sentito le bimbe piangere, ma lei aveva risposto in modo sprezzante: «Quando avranno finito di piangere si addormenteranno». Poi, quando a mezzogiorno si è svegliata e le ha liberate, lo choc: le figlie respiravano a stento e non davano segni di vita. Temendo le conseguenze del suo comportamento sconsiderato, invece di chiamare subito un’ambulanza le ha bagnate tentando di rianimarle e solo in un secondo momento le ha portate all’ospedale di Kerrville, quando ormai la situazione era totalmente compromessa, dicendo che le figlie erano misteriosamente collassate, senza raccontare la verità.
Inutile, poi, il trasferimento all’ospedale di San Antonio, dove le bimbe sono morte. Ora per lei è arrivato il giorno del giudizio. «Questo è il caso più orribile che mi sia capitato nella mia carriera» ha detto Rusty Hierholzer, sceriffo della Contea di Kerr. Non è difficile credergli. (Leggo)

«Mamma non lasciarci qui» Abbandona le figlie in auto per andare alla festa: sorelline di 1 e 2 anni muoiono soffocate
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Esteri Condividi adesso