Lavorano insieme, poi scoprono di essere padre e figlio grazie a Facebook

sei in  Esteri

3 anni fa - 17 Settembre 2018

Lavorano insieme, poi scoprono di essere padre e figlio grazie a Facebook

Quella che era una semplice amicizia tra colleghi si è rivelata essere una relazione decisamente più stretta: due uomini, che lavorano per la stessa azienda, hanno infatti scoperto di essere padre e figlio.  Nathan Boos e Bob Degaro sono due camionisti del Wisconsin, che lavorano da due anni per la stessa impresa di trasporti e si sono conosciuti proprio in ambito lavorativo. Alla fine sono diventati anche ottimi amici ed è proprio così che hanno scoperto di essere padre e figlio naturali. Nathan, infatti, aveva ‘taggato’ in una foto su Facebook il collega Bob e la sua madre adottiva, dopo aver ricordato quel nome, ha scoperto che quell’uomo, oltre ad essere un collega del ragazzo, era il suo padre biologico. Lo riporta la Fox.

La storia
Alla nascita, Nathan Boos era stato immediatamente adottato: «Sapevo di non essere il figlio naturale dei miei genitori adottivi, ma non mi ero mai chiesto chi fossero i miei genitori biologici». Il padre naturale, invece, ha commentato così l’incredibile scoperta: «All’inizio è stato uno choc, ci sono giorni in cui ancora non so come comportarmi con lui, o cosa dire. Voglio dire, è mio figlio ma non abbiamo avuto una vera relazione padre-figlio e siamo diventati colleghi ancora prima di scoprire di essere parenti».

L’adozione
Bob Degaro ha poi spiegato: «Io e la mia ex moglie, la madre naturale di Nathan, eravamo poverissimi e non potevamo mantenere un figlio. Per questo, lei aveva deciso di darlo in adozione ad una famiglia che lei conosceva, perché tra lei e i genitori adottivi di Nathan c’era una parentela alla lontana». Ad ogni modo, ora Nathan e Bob vogliono recuperare il tempo perduto, gettando le basi per una relazione per i due assolutamente inedita. Ovviamente, Bob sarà presente al matrimonio del figlio naturale, che si sposerà tra pochi mesi.

Lavorano insieme, poi scoprono di essere padre e figlio grazie a Facebook
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Esteri Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST azienda figlio padre