Disabili torturati in casa di cura: 17 arresti

17 arresti in una casa di cura: disabili torturati. Intercettate le urla dei pazienti
sei in  Cronaca

1 mese fa - 17 Dicembre 2021

Nella casa di cura “Suor Rosina La Grua” di Castelbuono, nel Palermitano, la guardia di finanza ha scoperto gravissimi episodi di maltrattamenti a disabili assistiti.

Sono state eseguite 35 ordinanze cautelari nei confronti di altrettante persone accusate, a vario titolo, di tortura, maltrattamenti, sequestro di persona, corruzione,

truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Le indagini degli uomini del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo hanno riguardato una onlus che gestisce, in regime di convenzione

pubblica “a ciclo continuo”, servizi di riabilitazione per 23 pazienti con disabilità grave. Dieci indagati sono stati portati in carcere, per sette sono scattati gli arresti domiciliari, cinque sono stati

sottoposti all’obbligo di dimora nel comune di residenza e tredici sono destinatari della misura interdittiva del divieto di esercitare attività professionali per un anno.

Intercettazioni, le urla dei pazienti. E’ drammatico quel che emerge dalle intercettazioni effettuate nella casa di cura lager. Nella sala “relax” gli ospiti

venivano portati di peso, rinchiusi dentro e presi a calci e pugni. Poi venivano offesi: “frocio”, urlava un operatore e dopo l’ennesimo calcio chiudeva la porta. “Devi buttare il veleno dal cuore”,

diceva un altro inserviente della struttura. Come riporta tgcom24 ” E’ un manicomio, un lager nazista”, commentavano, non sapendo di essere intercettate, alcune operatrici del centro mentre uno dei pazienti urlava:

“Dottoressa mi faccia uscire. Avevamo detto cinque minuti, si mantengono i patti, i patti si mantengono”. “Io ne ho certezza al 99% gli alzano le mani ai ragazzi, fin quando non ci sono le telecamere sta cosa noi non ce la

togliamo e vedi che è un reato penale – diceva una donna al telefono -. I ragazzi erano vestiti come gli zingari, visto che non li lavavano, visto che il mangiare faceva schifo, visto che la struttura non era pulita”.

Un’altra operatrice intercettata, parlando con una delle indagate, le contestava: “20mila euro, quello di parcelle tra lui e sua moglie, 60mila euro lui e 70mila euro l’anno sua

moglie, senza che sua moglie a Castelbuono mettesse un piede tutto quello che tu hai sciupato che non vi spettavano, rimborsi chilometrici, rimborsi quando tua figlia se ne

andava a Catanzaro all’università, i pannolini dei tuoi nipoti, i confetti, le autovetture”. “Questo è un manicomio”E un’altra: “Tu ce l’hai presente un manicomio? Uguale,

identico, ci manca solo, gli ho detto che li legano ai letti e poi siamo a posto, siamo pronti per la D’Urso. Ci sono cose che sono oggettive. I bilanci non sono mai stati presentati,

nella contabilità c’è manicomio, la struttura non è adeguata e non è a norma. Lì se campano o se muoiono, non interessa niente a nessuno”. “Noi siamo sotto scopa dell’Asp di

Palermo, perché il padre del nostro amministrativo è una specie di funzionario dell’Asp di Palermo che ci tiene sotto – proseguiva -. Quanto tu compri 40mila euro di autovettura a nome del Centro e il Centro le paga,

tu lo sai che non sono soldi soltanto tuoi? Quando tu in quattro anni i cambi quattro autovetture, racimoli centoventi, 130mila euro di autovetture tutte quante pagate dal Centro.

A me rompe se ci revocano la convenzione perché quella è una gallina dalle uova d’oro”. “Poi abbiamo preparato le ceste per l’Asp, si aggiravano attorno a 300 euro di ceste”, raccontava.

Soldi pubblici usati per auto e regali”Fino a quando si pagavano le vacanze e le facevano, bevevano cocktail, Spritz, bevevano Coca Cola, per 1.000, 1.500 euro, perché sono come porci”.

Così uno degli operatori della onlus commentava gli sperperi di denaro che facevano i responsabili. La onlus era convenzionata con il Servizio Sanitario.

Disabili torturati in casa di cura: 17 arresti
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso