Debiti e usura. Lo stato Può aiutarti

sei in  SOS Debiti

3 settimane fa - 10 Novembre 2021

L’Usura è stata definita da Papa Francesco come una “drammatica piaga sociale, che ferisce la dignità inviolabile della persona umana”.

Poche essenziali parole che danno la misura della gravità di un fenomeno in grave espansione,fenomeno endemico, aggravato dalla pandemia.
A tutto c’è rimedio, o quasi. E’però necessario avere gli strumenti giusti per intervenire. Sul portale del Ministero dell’Interno si possono reperire informazioni utii al contrasto del racket e dell’usura.

In questo particlare mometo storico, ad essere colpiti dal dramma dei debiti sono in modo trasversale famiglie ed imprese.
Fondamentale sapere che la lotta al fenomeno del racket e dell’usura prevede azioni e misure repressive nei

confronti di coloro che gestiscono le attività illegali ed il sostegno delle istituzioni e delle leggi dello Stato alle vittime.
Accanto alle istituzioni operano le associazioni del terzo settore che sono impegnate in progetti di

accompagnamento a coloro che i quali si trovano in difficoltà.
Le ultime norme in materia, hanno inasprito le pene per gli usurai, prevedendo anche il sequestro e la confisca dei beni.

Fondo di solidarietà

Lo Stato sostiene e incoraggia chi decide di opporsi al racket. il Parlamento ha adottato una serie di norme basate sul principio del risarcimento per tutti coloro che abbiano subito danni a causa di attività estorsive, per aver deciso di collaborare con le istituzioni per combattere il racket o di smettere di pagare il ‘pizzo’.

Primo strumento per l’attuazione di tale principio, l’istituzione del Fondo di solidarietà per le vittime del
racket (poi unificato con quello per le vittime dell’usura), grazie al quale chi ha subito, per essersi opposto agli estorsori, danni alla persona o alla propria impresa può ricevere, a titolo di risarcimento, un’elargizione

che gli consenta di riprendere l’attività.
La materia è delegata al Commissario straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura
nominato, su proposta del ministro dell’Interno, con decreto del Presidente della Repubblica, previa delibera del

Consiglio dei ministri tra persone di comprovata esperienza nell’attività di contrasto al fenomeno delle estorsioni e dell’usura e di solidarietà nei confronti delle vittime.

La rete di sostegno sul territorio

In ogni prefettura è presente un referente, pronto a fornire informazioni e a dare un valido sostegno nella preparazione della domanda per accedere al Fondo di solidarietà. La legge prevede che le associazioni e

organizzazioni di assistenza alle vittime del racket siano iscritte in un apposito elenco tenuto dalla prefettura della provincia in cui operano.

Debiti e usura. Lo stato Può aiutarti