Zorzi asfaltato da Platinette, altra bagarre in tv: interviene Maurizio Costanzo

sei in  Gossip

2 mesi fa - 2 Dicembre 2021

Zorzi zittito da Platinette, altra bagarre in tv: interviene Maurizio Costanzo

Altre scintille tra Mauro Coruzzi e l’influencer milanese: botta e risposta salato al Maurizio Costanzo Show

Clima tesissimo, di nuovo, tra Tommaso Zorzi e Mauro Coruzzi, alias Platinette. I due sono da sempre distanti circa alcune posizioni della comunità Lgbt. Nel corso della puntata del Maurizio Costanzo Show in onda in seconda serata mercoledì 1 dicembre, l’influencer e l’opinionista sono finiti ancora ai ferri corti, con uno assai scambio salato di battute. La ruggine è emersa nel momento in cui Coruzzi ha rivolto al sindaco di Milano Beppe Sala, anch’egli presente nel talk di Canale Cinque in qualità di ospite, una domanda sulle regole relative al portare le mascherine all’aperto in certe zone del capoluogo lombardo. Prima però che Sala avesse il tempo di rispondere, Zorzi si è inserito, replicando a Platinette che non ha preso di buon grado la faccenda.

Nella fattispecie Coruzzi ha chiesto al sindaco se ci fossero dei cartelli che indicassero dove bisogna precisamente indossare la mascherina all’aperto a Milano“Sta al buon senso e alla coscienza di ognuno di noi, quando c’è tanta gente in centro, soprattutto nei periodi natalizi…”, la replica di Zorzi. “Se può parlare il sindaco magari”, la fulminata di Platinette. Sala ha cercato di smorzare la polemica con una battuta: “Lui (Zorzi, ndr) è il mio assistente”. Tommaso ha subito sibilato: “Dato che sono un cittadino anche io…”. Quindi la risposta seria del sindaco: “Milano non è grande, tutti sanno che si intende la zona che va dal centro a San Babila, non servono cartelli”.

La querelle è stata chiusa da Costanzo: “Lei, Platinette, abita a Milano, giusto? E va in giro vestito così e si preoccupa della mascherina”. Applausi in studio e risata. Tutto finito? Assolutamente no, perché nel corso della puntata si sono innescate altre scintille tra l’influencer e Coruzzi.

Platinette e Zorzi, volano gli stracci al Maurizio Costanzo Show

Nel dibattito è stato posto il tema di una pubblicità norvegese che ha mostrato un Babbo Natale gay. Giusto o sbagliato? “Non sappiamo se Babbo Natale sia gay o no. Perché non potrebbe essere gay? Chi l’ha detto?”, il ragionamento di Zorzi. “Una questione senza fondamento – la chiosa piccata di Platinette -, questo è ritrasformare a immagine e somiglianza di un orientamento delle categorie che di per sé non richiamano ai gusti di letto. Così come non mi piace l’idea che adesso il mondo Lgbt sia diventato un mercato”.

“Io sono d’accordo…”, ha abbozzato Zorzi, fulminato di nuovo da Coruzzi: “Stavo finendo la frase… Ciascuno di noi ha un orientamento, il proprio non deve prevalere su quello altrui. Io non grido tutti i giorni sono etero o gay. Siamo esseri umani, punto e a capo”. Tommaso, però, non ha mollato la presa ed ha ri-abbozzato un  “non sono d’accordo”. Altra tuonata di Platinette: “Se non sei d’accordo saranno cavoli tuoi”.

Clima tesissimo, di nuovo, tra Tommaso Zorzi e Mauro Coruzzi, alias Platinette. I due sono da sempre distanti circa alcune posizioni della comunità Lgbt. Nel corso della puntata del Maurizio Costanzo Show in onda in seconda serata mercoledì 1 dicembre, l’influencer e l’opinionista sono finiti ancora ai ferri corti, con uno assai scambio salato di battute. La ruggine è emersa nel momento in cui Coruzzi ha rivolto al sindaco di Milano Beppe Sala, anch’egli presente nel talk di Canale Cinque in qualità di ospite, una domanda sulle regole relative al portare le mascherine all’aperto in certe zone del capoluogo lombardo. Prima però che Sala avesse il tempo di rispondere, Zorzi si è inserito, replicando a Platinette che non ha preso di buon grado la faccenda.

Nella fattispecie Coruzzi ha chiesto al sindaco se ci fossero dei cartelli che indicassero dove bisogna precisamente indossare la mascherina all’aperto a Milano“Sta al buon senso e alla coscienza di ognuno di noi, quando c’è tanta gente in centro, soprattutto nei periodi natalizi…”, la replica di Zorzi. “Se può parlare il sindaco magari”, la fulminata di Platinette. Sala ha cercato di smorzare la polemica con una battuta: “Lui (Zorzi, ndr) è il mio assistente”. Tommaso ha subito sibilato: “Dato che sono un cittadino anche io…”. Quindi la risposta seria del sindaco: “Milano non è grande, tutti sanno che si intende la zona che va dal centro a San Babila, non servono cartelli”.

La querelle è stata chiusa da Costanzo: “Lei, Platinette, abita a Milano, giusto? E va in giro vestito così e si preoccupa della mascherina”. Applausi in studio e risata. Tutto finito? Assolutamente no, perché nel corso della puntata si sono innescate altre scintille tra l’influencer e Coruzzi.

Platinette e Zorzi, volano gli stracci al Maurizio Costanzo Show

Nel dibattito è stato posto il tema di una pubblicità norvegese che ha mostrato un Babbo Natale gay. Giusto o sbagliato? “Non sappiamo se Babbo Natale sia gay o no. Perché non potrebbe essere gay? Chi l’ha detto?”, il ragionamento di Zorzi. “Una questione senza fondamento – la chiosa piccata di Platinette -, questo è ritrasformare a immagine e somiglianza di un orientamento delle categorie che di per sé non richiamano ai gusti di letto. Così come non mi piace l’idea che adesso il mondo Lgbt sia diventato un mercato”.

“Io sono d’accordo…”, ha abbozzato Zorzi, fulminato di nuovo da Coruzzi: “Stavo finendo la frase… Ciascuno di noi ha un orientamento, il proprio non deve prevalere su quello altrui. Io non grido tutti i giorni sono etero o gay. Siamo esseri umani, punto e a capo”. Tommaso, però, non ha mollato la presa ed ha ri-abbozzato un  “non sono d’accordo”. Altra tuonata di Platinette: “Se non sei d’accordo saranno cavoli tuoi”.

Clima tesissimo, di nuovo, tra Tommaso Zorzi e Mauro Coruzzi, alias Platinette. I due sono da sempre distanti circa alcune posizioni della comunità Lgbt. Nel corso della puntata del Maurizio Costanzo Show in onda in seconda serata mercoledì 1 dicembre, l’influencer e l’opinionista sono finiti ancora ai ferri corti, con uno assai scambio salato di battute. La ruggine è emersa nel momento in cui Coruzzi ha rivolto al sindaco di Milano Beppe Sala, anch’egli presente nel talk di Canale Cinque in qualità di ospite, una domanda sulle regole relative al portare le mascherine all’aperto in certe zone del capoluogo lombardo. Prima però che Sala avesse il tempo di rispondere, Zorzi si è inserito, replicando a Platinette che non ha preso di buon grado la faccenda.

Nella fattispecie Coruzzi ha chiesto al sindaco se ci fossero dei cartelli che indicassero dove bisogna precisamente indossare la mascherina all’aperto a Milano“Sta al buon senso e alla coscienza di ognuno di noi, quando c’è tanta gente in centro, soprattutto nei periodi natalizi…”, la replica di Zorzi. “Se può parlare il sindaco magari”, la fulminata di Platinette. Sala ha cercato di smorzare la polemica con una battuta: “Lui (Zorzi, ndr) è il mio assistente”. Tommaso ha subito sibilato: “Dato che sono un cittadino anche io…”. Quindi la risposta seria del sindaco: “Milano non è grande, tutti sanno che si intende la zona che va dal centro a San Babila, non servono cartelli”.

La querelle è stata chiusa da Costanzo: “Lei, Platinette, abita a Milano, giusto? E va in giro vestito così e si preoccupa della mascherina”. Applausi in studio e risata. Tutto finito? Assolutamente no, perché nel corso della puntata si sono innescate altre scintille tra l’influencer e Coruzzi.

Platinette e Zorzi, volano gli stracci al Maurizio Costanzo Show

Nel dibattito è stato posto il tema di una pubblicità norvegese che ha mostrato un Babbo Natale gay. Giusto o sbagliato? “Non sappiamo se Babbo Natale sia gay o no. Perché non potrebbe essere gay? Chi l’ha detto?”, il ragionamento di Zorzi. “Una questione senza fondamento – la chiosa piccata di Platinette -, questo è ritrasformare a immagine e somiglianza di un orientamento delle categorie che di per sé non richiamano ai gusti di letto. Così come non mi piace l’idea che adesso il mondo Lgbt sia diventato un mercato”.

“Io sono d’accordo…”, ha abbozzato Zorzi, fulminato di nuovo da Coruzzi: “Stavo finendo la frase… Ciascuno di noi ha un orientamento, il proprio non deve prevalere su quello altrui. Io non grido tutti i giorni sono etero o gay. Siamo esseri umani, punto e a capo”. Tommaso, però, non ha mollato la presa ed ha ri-abbozzato un  “non sono d’accordo”. Altra tuonata di Platinette: “Se non sei d’accordo saranno cavoli tuoi”.

Zorzi asfaltato da Platinette, altra bagarre in tv: interviene Maurizio Costanzo
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST