Viola uccisa da colpo di fucile, a sparare per errore è stato il fratello 13enne

Viola è morta davanti agli occhi del fratello e dei genitori
sei in  Cronaca nera

1 mese fa - 17 Ottobre 2021

Viola Balzaretti, aveva 15 anni ,
quando ieri, sabato 16 ottobre,
è stata raggiunta da un colpo di fucile, morendo sul colpo.

È successo a San Felice del Benaco, comune in provincia di Brescia.

A far partire accidentalmente il colpo, non è stato il padre di 57 anni,
come si credeva in un primo momento,
ma il fratello di appena 13 anni.

A rivelarlo è stato il 57enne durante l’interrogatorio.

San Felice del Benaco conta appena tremila abitanti: è un comune in provincia di Brescia, costruito su uno delle sponde ,del Lago di Garda.

Ieri, sabato 16 ottobre, la piccola comunità ,è stata attraversata ,
da una terribile tragedia.

Una ragazzina di appena 15 anni,
Viola Balzaretti, è morta ,
dopo che un colpo di un fucile ,
l’ha raggiunta.

Inizialmente si credeva che a far partire quel proiettile ,al momento sembrerebbe in via accidentale ,
fosse stato il padre Roberto, medico legale di 57 anni , ed ex assessore comunale.

Durante l’interrogatorio, che si è svolto ieri notte, il padre,
ha rivelato che a sparare ,
è stato il figlio tredicenne.

I due stavano mostrando l’arma ,
alla giovane quando il 13enne ,
ha esploso il colpo.

Viola è morta davanti agli occhi del fratello e dei genitori

Tutto è accaduto intorno alle 16.30,
di ieri pomeriggio.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il padre e il figlio , che detiene una decina di armi registrate regolarmente , stava mostrando ,
un fucile alla moglie e alla 15enne.

Il 57enne è infatti un appassionato di caccia.

A un certo punto ,è partito un colpo
che ha raggiunto Viola al petto, uccidendola sul colpo.

Nonostante il tempestivo intervento,
dei soccorsi, per la ragazza non c’è stato nulla da fare.

Il 13enne però, considerata l’età,
non è imputabile.

Il padre indagato per omessa custodia delle armi

Il magistrato di turno, il sostituto procuratore Francesco Carlo Milanesi, aveva aperto un fascicolo , per omicidio colposo nei confronti , del padre.

Il 57enne ,adesso però ,è indagato
per omessa custodia delle armi ,
e aver dato il fucile nelle mani,
del 13enne.

Viola frequentava il liceo linguistico Medi di Salò.

Ieri sera alcuni amici ,
si sono ritrovati ,fuori dalla casa della famiglia Balzeretti.

“Era una ragazza normale, tranquilla”.

Increduli i vicini di casa, i residenti e tutti coloro che conoscono la famiglia.

Viola uccisa da colpo di fucile, a sparare per errore è stato il fratello 13enne
TEMI DI QUESTO POST primo piano tragedia