Vaccino contro il Coronavirus: ecco i primi test sull’uomo

1 mese fa
3 Giugno 2020
di redazione

Grazie all’accordo fra le aziende Takis e Rottapharm Biotech sono previsti in autunno i test sull’uomo del vaccino chiamato Covid-eVax, per i quali è già partita la produzione dei quantitativi necessari alla fase 1-2 dei test. «Il programma di sviluppo – osservano le due aziende – prevede ora il completamento degli studi di laboratorio e la produzione del primo quantitativo del vaccino, già partita per arrivare al primo studio clinico in autunno».

Il vaccino italiano Covid-eVax si basa sull’iniezione di un frammento del materiale genetico del virus nel muscolo, dove promuove la sintesi di una porzione della proteina Spike, ossia della proteina che il nuovo coronavirus utilizza per aggredire le cellule; in questo modo viene stimolata la reazione immunitaria sia con la produzione di anticorpi sia di tipo cellulare, nella quale vengono attivate le cellule del sistema immunitario. L’efficienza del processo è aumentata dalla tecnica dell’elettroporazione, che favorisce il passaggio del materiale genetico nelle cellule in maniera semplice, rapida e senza effetti collaterali grazie a lievi e brevi stimoli elettrici. Sulla tecnologia dell’elettroporazione la Takis collabora da anni con l’azienda italiana Igea, il cui elettroporatore è già disponibile in oltre 200 ospedali in Europa. Le tre aziende insieme stanno collaborando per realizzare un sistema in grado di permettere una diffusione più ampia e capillare.

Ma a che punto è la corsa al vaccino contro Covid-19? «Vi sono 8 gruppi al lavoro, ma qui bisogna andare con i piedi di piombo. Dall’America all’Australia fino alla Francia e alla Cina, il lavoro è frenetico. Grandi passi avanti li hanno registrati anche le ricerche di Pomezia in collaborazione con Oxford. Il principio è far produrre anticorpi dagli esseri umani, ma conta anche come sono questi anticorpi e quanto dureranno. E c’è da verificare l’eventuale tossicità. Ci vorranno dodici mesi circa forse, mi auguro anche meno».

temi di questo post