Politica

Ultim’ora: Draghi sblocca 17 miliardi di euro, sostegno agli italiani su bollette, pensioni e benzina.

Ultim’ora: Draghi sblocca 17 miliardi di euro, sostegno agli italiani su bollette, pensioni e benzina.

Luce verde poco prima delle 19 da parte del Consiglio dei Ministri al dl con nuove misure di sostegno a famiglie e imprese.

Il consiglio dei ministri inoltre ha approvato il decreto legislativo di attuazione della legge delega sulla riforma del processo penale.

Salgono a 25 milioni le risorse a disposizione per il bonus psicologo: nel corso del Consiglio dei ministri che ha approvato il decreto aiuti, su proposta del ministro Roberto Speranza i fondi aggiuntivi sono saliti dai 5 milioni inizialmente previsti a 15 milioni, che si vanno a sommare ai 10 milioni stanziati quando è stata introdotta la misura.

Secondo quanto si apprende, il ministro del lavoro Andrea Orlando avrebbe sostenuto la «necessità di prorogare lo smart working per i fragili e per i genitori degli under 14», così come avrebbe insistito sull’aumento del taglio sulle tasse sul lavoro. Al momento non sono state individuate condizioni tecniche ma il Ministro Orlando ha assicurato che in sede di conversione proseguirà «nell’azione per individuare le risorse».

A breve il premier terrà una conferenza stampa con i ministri Daniele Franco e Roberto Cingolani.

I contenuti del decreto Aiuti-Bis

Arriva il Decreto Dl Aiuti-bis chiamato a fare da scuso all’avanzata dell’inflazione. Dalle misure su stipendi, tra cuneo fiscale, bonus 200 euro e spinta ai benefit aziendali, a quelle per calmierare il caro-bollette, dalle norme per adeguare pensioni a quelle per tagliare le accise, ma c’è anche l’il capitolo scuola con un nuovo sistema di incentivi alla formazione e l’arrivo del «professore esperto». Il nuovo provvedimento del governo Draghi atteso il 4 agosto in Consiglio dei ministri, è un pacchetto rotondo di aiuti da 14,3 miliardi. E c’è anche una norma per sostenere la produzione dell’Ilva con una ricapitalizzazione fino a 1 miliardo di euro. Ecco tutte le novità in arrivo.

Pensioni. Il governo ha deciso di anticipare al primo ottobre una parte della rivalutazione degli assegni che sarebbe scattata il prossimo anno, sulla base dell’inflazione del 2022. Scatterà quindi un incremento del 2 per cento. A questo si aggiungerà, il recupero, sempre anticipato, dello 0,2% di rivalutazione relativa al 2021 che quest’anno – provvisoriamente – non era stata riconosciuta in maniera piena. Quindi l’incremento ad ottobre sarà del 2,2%. La restante parte di indicizzazione scatterà – aggiungendosi – nel 2023: se ad esempio l’inflazione sarà dell’8 per cento, si sommerà un ulteriore 6 per cento.

Stipendi. Sulle retribuzioni fino a 35 mila euro l’anno (circa 2.692 mensili) è previsto un esonero dell’1 per cento rispetto ai contributi versati dal lavoratore. Esonero che si somma a quello dello 0,8% già in vigore. Il netto in busta paga aumenterà in proporzione. Il taglio dell’1 per cento vale da luglio a settembre e quindi si applicherà in modo retroattivo, verosimilmente dalla retribuzione di agosto. Il taglio dei contributi non avrà naturalmente effetto sulle future pensioni, perché lo Stato interverrà a garantire la differenza.

Autonomi. Il fondi destinato a compensare anche i redditi dei lavoratori autonomi rispetto al carovita viene incrementato e passa da 500 a 600 milioni. Saranno presto definite le modalità per utilizzarlo.

Bonus 200 euro. Verrà riconosciuto alle categorie che erano rimaste escluse come lavoratori somministrati e collaboratori.

Welfare aziendale. Viene raddoppiata a 516 euro la soglia entro la quale sono esenti da tassazione i benefit riconosciuti dalle aziende ai loro dipendenti. Sarà possibile far rientrare in questa voce anche i pagamenti per utenze di luce e gas.

Salva-Ilva. Nella bozza arrivata in Consiglio dei ministri c’è anche una norma per salvare l’Ilva viene autorizzata la possibilità di sottoscrivere aumenti di capitale fino ad un miliardo di euro. Lo prevede una nuova bozza, ancora soggetta a modifiche, del decreto aiuti bis. Nell’articolo contenente misure urgenti per il sostegno alla siderurgia, non si fa esplicito riferimento all’Ilva, ma si autorizza Invitalia a «sottoscrivere aumenti di capitale o diversi strumenti, comunque idonei al rafforzamento patrimoniale, anche nella forma di finanziamento soci in conto aumento di capitale, ulteriori rispetto a quelli previsti ai precedenti periodi» e fino ad un importo non superiore a un miliardo di euro.

Decreto aiuti, più fondi per siccità e autotrasporti. In arrivo 200 milioni per l’agricoltura, 150 andranno per i carburanti

Passando al tema caro energia, sono diversi gli interventi in arrivo.

Condividi

Luigi Graziano Di Matteo

Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
#divietodibalneazione
Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne
#fareham
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne