eventi

Mostra-evento dell’arte digitale “Cripto Arte” a Napoli

Mostra-evento dell’arte digitale “Cripto Arte” a Napoli

Napoli diventa la città dell’arte digitale, la prima volta in Italia, con la mostra evento dedicata alla storia della Cryptoart e alla tecnologia NFT (Non fungibile tokens) ovvero la certificazione digitale applicata al mondo dell’arte e non solo. Che consente di attestare la proprietà di un bene attraverso l’uso della struttura blockchain, cioè di un registro in cui dei blocchi contengono delle informazioni. Dalla prima moneta virtuale bitcoin al bing-bang dell’arte virtuale, in un’esplosione digitalizzata che, dopo Milano e Roma, adesso arriva anche a Napoli .

“La cultura della Criptoarte sta letteralmente rivoluzionando il modo di fare arte, attraendo una vasta gamma di artisti provenienti da ogni campo – spiega Luca Martinelli, direttore creativo di Sewer Nation – la società milanese under 30 specializzata in tecnologie di avanguardia, che ha scelto Napoli come capitale del Sud Italia dove portare Criptoarte e metaverso, ovvero nuovi spazi virtuali di interazione. Con questa modalità d’arte si intende la creazione di un’opera totalmente digitale o la digitalizzazione di un’opera fisica grazie ai sistemi di blockchain e di NFT”. Che vengono venduti o acquistati utilizzando, spesso, anche le criptovalute.

“Sebbene siano in circolazione dal 2014, in questo momento storico gli NFT – sottolinea Marco D’Aiuto Chief Marketing Officer di Space Farm – , sono all’apice della loro popolarità in quanto sempre più spesso vengono utilizzati per acquistare e vendere opere digitali. Basti pensare che nei primi 5 mesi del 2022 gli NFT hanno raggiunto un giro d’affari di 37 miliardi di dollari”.

Ma perché comprare un’opera digitale se non posso nemmeno esporla in casa o in una galleria?
La risposta è che un NFT permette all’acquirente di possedere l’opera originale e, al contempo, consente di dimostrarne la proprietà .

“Si tratta di un meccanismo – spiega D’Aiuto – che ormai ha preso piede nel mondo dell’arte, dove il rischio della riproduzione e della distribuzione non autorizzata delle opere ha portato numerosi artisti ad affacciarsi a questa nuova scienza, che ne garantisce l’acquisto diretto della paternità”.

Ed è boom di opere digitali. Per chi ancora non lo sapesse, il più famoso artista digitale Mike Winkelmann, meglio noto come “Beeple” ha realizzato un collage di 5mila disegni riuscendo a creare quello che è forse, attualmente, il più famoso NFT “ Everyday; The First 5000 Days, battuto all’asta da Christie’s per oltre 69 milioni di dollari. Di tutto questo si parlerà a Napoli nel ponte di halloween, il 31 ottobre e il 1 novembre: nella due giorni dedicata all’arte digitale, organizzata da Sewer Nation, Space Farm, Ultraviolet.to e Lanificio Digitale. Si comincia la mattina del 31 al Lanificio Digitale, alle ore 12, con workshop e panel dedicati alla storia della Cripto arte, dal 2015 ad oggi, per addentrarsi poi nel mondo degli NFT, “non solo oggetti di speculazione, bensì colonne portanti della digitalizzazione dei beni e delle relazioni tra clienti e business”. Alle 19.15 l’appuntamento si sposta alla Galleria Borbonica dove ci saranno video mapping e immagini, create con intelligenza artificiale, proiettate direttamente sulle pareti e sui soffitti del Tunnel Borbonico. Un’ esperienza immersiva unica, che come guida avrà un Dante digitale pronto a traghettare nerd, appassionati e neofiti nel mondo dell’arte virtuale. Tanti gli artisti, anche internazionali, che saranno presenti da: Robness ad Andrea Chiampo, fino a Francesco Vincenti, Dusty Eye e Ninfa.

Si replica lunedì 1 novembre: in mattinata workshop esplicativi al Lanificio Digitale per spiegare l’utilizzo degli NFT in campi anche diversi dall’arte: Dal Real Estate al fashion, dal design fino alla politica. E, a partire dalle 19.15, cerimonia conclusiva, alla Galleria Borbonica. Dove l’arte digitale saluterà la città di Napoli in attesa dei prossimi appuntamenti di Londra e Praga.

“Lo scopo è dimostrare le risorse di gestione infinite che ruotano intorno al mercato degli Nft all’interno di un mondo, spesso attaccato, – spiega Luca Martinelli in arte Vandalo – che dal bitcoin in poi sta evolvendo, sempre più, verso l’era digitale, fatta di algoritmi, programmazioni e software che rendono reale anche ciò che non può essere toccato”. Ma che esiste solo perché virtuale.

“La Galleria Borbonica si conferma una location straordinaria e poliedrica non solo da un punto di vista turistico ma anche per l’organizzazione di eventi di ogni genere”. Per il Presidente Associazione Borbonica Sotterranea Gianluca Minin: “Non solo concerti e mostre, dunque, ma anche eventi che, mai come in questo momento, guardano al futuro ed a nuove forme di arte digitale”.

E se un antesignano come Gabriele Salvatores anticipava nel lontano 1997, quando molti di questi ragazzi dell’era digitale non erano neanche nati, il mondo dei video- giochi e della realtà virtuale nel suo Nirvana, c’è da scommettere che il fenomeno non si ferma qui.

Per info e biglietti https://guts.events/jxhjor/ibry6m

Condividi

Giuseppe De Carlo