Uccide il figlio di due anni per vendicarsi dell’ex. Sul corpo un biglietto: «Ti lascio quel che meriti»

Una vendetta nei confronti della ex. L’uomo è fuggito ed è ora ricercato.
sei in  Esteri

3 mesi fa - 27 Agosto 2021

Un 44enne ,ha ucciso suo figlio ,
di due anni in un hotel di Barcellona.

Il motivo? Una vendetta nei confronti della ex.
L’uomo è fuggito ed è ora ricercato.

Tragico episodio avvenuto a Barcellona, all’interno ,dell’hotel Concordia.

Un uomo di 44 anni, Martín Ezequiel Álvarez Giaccio, avrebbe ucciso ,
suo figlio ,di due anni.

Gli agenti della Guardia Urbana,
di Barcellona ,hanno trovato ,
il bimbo ,all’interno della stanza 704, al settimo piano dell’hotel, privo di sensi, e con ,la faccia violacea.

Il 44enne è fuggito ,ed è
ora ricercato come presunto,
autore , del terribile omicidio.

Sul corpo del bimbo, l’uomo ha lasciato un terrificante biglietto, riservato alla ex moglie:

“Ti lascio quel che meriti”.

La radio ‘Cadena Ser’, ha riportato,
la notizia della chiamata ,
della madre del bambino ,
alla polizia.

La donna ha detto che l’uomo,
dal quale si stava separando,
era fuggito ,portando il piccolo ,
con sé ,e dicendole che si sarebbe “pentita”.

Le immagini della videosorveglianza dell’albergo ,hanno ripreso ,
l’uomo, mentre percorreva il corridoio, del suo piano d’albergo.

Il 44enne ,si è girato ,più volte ,
per controllare ,che non ci fosse nessuno.

L’uomo ,è stato anche ripreso ,
mentre saltava ,oltre il recinto ,
della piscina.

Álvarez ha commesso il crimine per vendicarsi, quindi, della madre ,
del bambino, da cui si starebbe separando.

La ministra delle Pari Opportunità spagnola, Irene Montero, ha rilasciato su Twitter, queste dichiarazioni:

“La violenza vicaria è uno dei tipi più crudeli di violenza di genere,
per far soffrire ,il più possibile ,
una madre.
È anche violenza diretta ,
contro l’infanzia.

In foto l’hotel nel quale è stato commesso l’omicidio e il papà con il bimbo.

Uccide il figlio di due anni per vendicarsi dell’ex. Sul corpo un biglietto: «Ti lascio quel che meriti»
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Esteri Condividi adesso