Si risveglia dal coma dopo un’apparizione: “Era Marco Simoncelli, ma non sapevo chi fosse”

sei in  Cronaca

3 settimane fa - 3 Gennaio 2022

In coma ,da settimane dopo un brutto incidente con il monopattino ,
occorsogli lo scorso novembre.

In cui ha riportato la frattura del cranio e due emorragie cerebrali,
il 20enne Marco Sias ,si è svegliato
e quello che ha rivelato ai suoi genitori , al momento del risveglio
ha dell’incredibile.

Il ragazzo di Iglesias ,ha infatti raccontato che mentre ,era incosciente ha avuto un incontro salvifico,
con una persona che non aveva mai visto prima.

Un ragazzo dalla folta chioma bionda e riccia, con un cerottino bianco sul naso, e seduto su una moto su cui c’era il numero 58.

Questo ragazzo l’avrebbe tranquillizzato e rassicurato annunciandogli che presto si sarebbe svegliato dal coma ,
e avrebbe così messo fine a questo suo incubo.

Ovviamente, dalla descrizione viene immediatamente da pensare
che la persona che ha incontrato il giovane sardo durante lo stato comatoso sia il compianto pilota della MotoGP Marco Simoncelli.

Morto tragicamente, in seguito ad un incidente in pista a Sepang
nel novembre del 2011.

L’associazione non è però così ovvia per un ragazzo che non segue lo sport
e che al momento del decesso
del campione di Coriano aveva appena dieci anni.

La conferma che il misterioso “angelo custode” fosse il Sic, è arrivata poi dallo stesso Marco Sias.

Il quale dopo essersi svegliato,
ha fatto delle ricerche su quel ragazzo che non aveva mai visto prima e di cui non aveva mai sentito parlare:

“Ho fatto delle ricerche sulla moto
che ho visto mentre ero incosciente e ho riconosciuto il mezzo, il numero e il viso del ragazzo che mi ha parlato.

Era Marco Simoncelli, l’ex campione di MotoGP scomparso nel 2011.

Sono rimasto molto colpito perché non sapevo chi fosse, non seguo lo sport e non avevo mai sentito parlare di lui.

Mi ha detto che stava bene e di non preoccuparmi, perché mi sarei risvegliato”.

Si risveglia dal coma dopo un’apparizione: “Era Marco Simoncelli, ma non sapevo chi fosse”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano