Moglie schiava, picchiata,violentata e costretta a chiedere l’elemosina

Oltre a una serie infinita di orrori, anche davanti ai figli e quando era incinta, la donna era segregata in casa e le erano stati tolti i documenti
di  Jennifer Pagano
3 mesi fa - 29 Giugno 2021

L’incubo durava da anni: il marito-padrone l’aveva ridotta in schiavitù.

Con calci, schiaffi e botte con bastoni, o altri oggetti contundenti per obbligare la moglie all’accattonaggio.

L’uomo, un 57enne, è stato arrestato della polizia per riduzione in schiavitù, violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali.

Dalle indagini emerge l’evidente degrado sociale ,in cui l’uomo costringeva a vivere moglie e figli, vittime di insulti e minacce, spesso anche di morte.

La donna era costretta a subire atti di violenza fisica e psichica, anche alla presenza dei figli minori , e persino quando era gravidanza.

Un’escalation di orrori e vessazioni, per obbligare la moglie ,a subire atti sessuali e a chiedere l’elemosina per le strade.

La vittima, sempre stando ai risultati investigativi, era stata segregata in casa dal marito, che le aveva anche portato via i documenti di identità.

Per il marito, che era sottoposto alla agli arresti domiciliari ,con il braccialetto elettronico per maltrattamenti in famiglia, si sono aperte le porte del carcere di Castelvetrano.

I casi di violenza nei confronti delle donne sono cresciuti durante la pandemia, facilitati anche dai lockdown e dalla convivenza forzata.

Le vittime che hanno contattato il 1522, hanno segnalato di avere subito più tipologie di violenze nel 62,1% dei casi (più in particolare, 2 nel 23,3% e 3 o più forme di violenza nel 38,8% di casi).

Moglie schiava, picchiata,violentata e costretta a chiedere l’elemosina
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST cronaca donna primo piano violenza