Martina investita e lasciata sull’asfalto, l’appello del padre: “Chi sa parli”

Martina Saitta, 20 anni, si trova ricoverata in coma farmacologico al Policlinico di Messina
sei in  Cronaca

4 mesi fa - 20 Agosto 2021

Sembrava ,una tranquilla serata ,
di metà agosto ,come tante altre:
la vacanza con i genitori,
il lungomare pieno di gente,
la solita passeggiata con gli amici.

Poi, all’improvviso la tragedia: un’automobile a tutta velocità,
che non riesce ad arrestare ,
la sua corsa, e investe tre ragazze, sedute su una panchina, del lungomare, di Giardini Naxos , a due passi da Taormina , e scappa ,senza prestare soccorso.

Le tre ragazze restano sull’asfalto.

Qualcuna urla, per il troppo dolore, un’altra resta immobile ,a terra.

E’ grave. Non risponde ai soccorritori, che prestano subito ,
le prime cure.

Martina Saitta, 20 anni, arriverà,
in coma, al Policlinico di Messina ,
con un’emorragia cerebrale, diverse fratture ,e una profonda lesione ,
ai polmoni.

Nell’impatto ,è stata sbalzata ,
di 20 metri.
I medici ,la tengono ancora in coma farmacologico, non si sbilanciano ma sono fiduciosi.

Le altre due ragazze coinvolte, nell’incidente, entrambe di 17 anni, hanno riportato ,diverse fratture ,
ma sono state dimesse dall’ospedale.
Non sono in pericolo di vita.

La notte del 13 agosto ,il lungomare ,
di Giardini Naxos, nel Messinese,
è pieno di gente.

Il Ferragosto ,si avvicina , e centinai di turisti ,affollano la zona costiera.

In tanti, hanno assistito ,
alla terribile scena.

Una testimone ha raccontato ai carabinieri alcuni particolari.

L’autovettura ,che ha investito ,
le ragazze ,e poi ,è fuggita ,
è una Fiat Panda ,di colore bianco ,
che nell’incidente ,ha perso ,
anche qualche pezzo di carrozzeria.

Chi c’era alla guida?
Gli inquirenti stanno vagliando le immagine registrate ,dalle telecamere della videosorveglianza, della zona,
in cui è avvenuto il terribile impatto, che hanno ripreso quei momenti.

Ma nessuna novità significativa ,
è stata rilevata.

I militari dell’Arma ,stanno ,
percorrendo anche ,un’altra pista ,
che potrebbe portare ,ad identificare, il conducente della Panda.
La sua posizione è gravissima.

A parlare, è il papà di Martina,
la giovane ancora ricoverata ,
in Rianimazione a Messina.

Il signor Salvatore Saitta ,
appare ancora frastornato.

Chiede aiuto per rintracciare,
il pirata della strada ,che ha
investito sua figlia ,e le sue amiche ,
ed è scappato:

“Ho lanciato diversi appelli in questi giorni ,racconta con voce rauca .
Chi sa, parli.

Se qualcuno ha visto qualcosa ,
o conosce altri particolari ,
si faccia avanti.

Non abbiate paura.
Le hanno investite ,a 100 metri ,
da casa nostra”.

E’ il grido di dolore ,
di un uomo distrutto ,dal dolore,
per le condizioni ,in cui si trova ,
la figlia ventenne ,e che chiede ,
aiuto, affinché ,venga fatta giustizia.

Martina investita e lasciata sull’asfalto, l’appello del padre: “Chi sa parli”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST incidente primo piano