Laura Ziliani, torbidi segreti sessuali nei telefonini delle due figlie: “Tradimenti e scambi di coppia”

"Laura Ziliani è stata stordita con dei farmaci e poi soffocata con un cuscino nel sonno”: l’ipotesi degli inquirenti
sei in  Cronaca nera

2 mesi fa - 26 Settembre 2021

Torbidi segreti sessuali si insinuano nella inchiesta sulla morte di Laura Ziliani.

In arresto, da venerdì scorso,
due zdelle tre figlie ,della ex vigilessa di Temù (Brescia) ,
scomparsa 140 giorni fa.

Silvia e Paola Zani, e il fidanzato della primogenita, Mirto Milani.

La donna sarebbe stata, prima stordita con degli ansiolitici e poi soffocata, con un cuscino nel letto.

Quindi i tre giovani ,avrebbero inscenato la sparizione, con azioni ,
di depistaggio durate intere settimane.

Movente dell’omicidio: spartirsi il patrimonio immobiliare, della vittima ,
e godere di quella “rendita” ,
senza dover lavorare.

Secondo quanto filtra dalle indagini, sarebbero stati fatti sparire i telefonini di Silvia e Paola.

Ai carabinieri le sorelle avrebbero consegnato degli smartphone nuovi.

Secondo Mirto ,quelli vecchi ,erano stati venduti, per 250 euro,
a un marocchino in stazione.
Perché avevamo bisogno di soldi”.

Però, la versione fornita ,
è una delle tante menzogne ,
di questa storia: i cellulari vecchi, infatti sarebbero “ricomparsi” ,
ma con reset alle impostazioni iniziali di fabbrica.

Cosa dovevano nascondere i tre sospettati?

Silvia ha motivato, il gesto con “la vergogna” causata “dall’idea che si sapesse ,che ero iscritta ,
a un sito di scambisti”.

Paola invece non voleva “che si sapesse che ho una relazione col fidanzato di mia sorella”.

Altri tasselli sconvolgenti,
come il tentativo di “costruire” ,
una fittizia ,scena del crimine sparpagliando, per Palù le scarpe ,
e i jeans della vittima, per avvalorare la tesi ,della sparizione ,
retta anche in tv, davanti alle telecamere di Chi l’ha visto.

Laura Ziliani, torbidi segreti sessuali nei telefonini delle due figlie: “Tradimenti e scambi di coppia”
TEMI DI QUESTO POST Laura Ziliani omicidio primo piano