Gianfranco D’Angelo, morto a Roma attore cult della tv anni ’80

Lutto nel mondo del cinema e della televisione
sei in  Cinema e TV

4 mesi fa - 15 Agosto 2021

L’attore Gianfranco D’Angelo ,
è morto questa notte ,al Policlinico Gemelli di Roma, dopo una breve malattia.

“Avrebbe compiuto 85 anni il 19 agosto”. Lo fa sapere il suo ufficio stampa.

Attore, comico, cabarettista, doppiatore, imitatore e cantante,
era nato a Roma ,nel 1936.

Ha recitato in molti film, a teatro,
e in televisione in programmi cult,
come “Drive in”, “Odiens” ,
e la prima edizione di “Striscia la notizia”.

Dopo aver svolto diverse professioni, debutta a teatro nel 1963.

Per lui arrivano presto ruoli in commedie importanti ,come “Alleluja brava gente”, di Garinei e Giovannini.

Accanto al teatro tradizionale,
però mette in luce ben presto ,
doti da cabarettista di razza.

Dal “Puff” di Roma al “Derby” di Milano, D’angelo inizia a esibirsi in tutta Italia.

Fino a quando non trova ,la sua casa, nel Bagaglino di Pier Francesco Pingitore ,che all’epoca, annovera talenti come Pippo Franco, Enrico Montesano e Gabriella Ferri.

E’ proprio, con quel gruppo ,
che nei primi anni 70 ,
debutta in televisione.

Da “Milleluci” a “Dove sta Zazà” e “Mazzabubù”, il suo diventa subito un volto molto popolare.

Parallelamente al cinema, divenne subito uno dei principali protagonisti, accanto a Renzo Montagnani, di molti titoli cult della commedia ssexy,di quegli anni,
da “La liceale” a “La dottoressa del distretto militare” e “La soldatessa alle grandi manovre”.

Su Rai 1, tra il finire degli anni 70 e l’inizio degli 80, è ancora protagonista di programmi comici, questa volta sganciato dal gruppo del Bagaglino.

“La sberla”, dove inaugura un sodalizio con Ezio Greggio ,che durerà a lungo, “Tilt” e “Signori si parte” ,
lo confermano come grande monologhista e anche conduttore.

È così che ,la tv commerciale ,
decide di puntare su di lui ,
e nel 1983, approda in Fininvest alla corte di Antonio Ricci per “Drive In”.

Il successo è clamoroso è D’Angelo, diventerà un protagonista assoluto, regalando a un programma di cult, personaggi come Has Fidanken, il giornalista Gervasetto, senza contare le imitazioni di Raffaella Carrà, Pippo Baudo e Marina Lante della Rovere, con battute passate alla storia (“Un omaccione, con due baffetti da sparviero…”).

Con Ricci il sodalizio prosegue anche una volta terminato “Drive In”.

Nel 1988, con Ezio Greggio e Lorella Cuccarini, conduce “Odiens”, e poi, sempre con Ezio Greggio, presenta la prima edizione di “Striscia la notizia”.

Nel 1992 interpreta con Alida Chelli la sitcom “Casa dolce casa”.

Nella seconda metà degli anni 90 ,
fa ritorno in Rai, partecipando ad alcune edizioni di “Carramba che sorpresa”.

Negli ultimi anni la sua carriera si è svolta sopratutto a teatro, con commedie brillanti che hanno sempre incontrato il favore del pubblico.

Nel 2019 era apparso ,nel film “W gli sposi” diretto da Valerio Zanoli.

Lascia due figlie, Daniela e Simona, entrambe attrici.

Gianfranco D’Angelo, morto a Roma attore cult della tv anni ’80
TEMI DI QUESTO POST Gianfranco D'Angelo primo piano