Gemellini morti carbonizzati tra le braccia della mamma

sei in  Cronaca

1 settimana fa - 24 Novembre 2021

Due fratelli gemelli di 4 anni,
Luan e Alban Ahmeti, sono stati identificati, come le vittime più giovani.

Del terribile incendio che ha travolto, un autobus pieno di passeggeri,
su un’autostrada in Bulgaria.

Il ritorno a casa da una vacanza,
si è trasformato in quella che sarebbe stata la più grande tragedia stradale nella storia della Bulgaria.

Una tragedia ,che ha tolto la vita,
a Luan e Alban Ahmeti, bruciati vivi, tra le braccia della madre.

Tutti sono stati trovati carbonizzati vicino alle porte dell’autobus.

Insieme a loro anche il corpo senza vita del padre, che è stato successivamente identificato dalle autorità.

La famiglia, di origine albanese, stava tornando a casa da una vacanza trascorsa nella città turca.

Incendio bus in Bulgaria: morti i gemelli Luan e Alban

L’autobus stava viaggiando da Istanbul alla capitale della Macedonia settentrionale, Skopje, quando è avvenuto l’incidente.

Si ritiene che la maggior parte delle vittime ,fossero turisti provenienti dalla Macedonia, settentrionale che tornavano a casa in vacanza.

La stampa nel nord ,della Macedonia,
ha riferito che alcuni dei deceduti, erano studenti di una scuola elementare di Skopje, dove oggi tutte le lezioni sono state sospese.

Nell’incendio sono morti anche Gazmend Ukali, 27 anni, e la sua fidanzata, Albina Belluli, 23 anni.

Sono tornati da Istanbul dopo aver festeggiato il compleanno di Gazmend.

L’autista è morto sul colpo,
e le vittime sono decedute per ustioni, perché nessuno poteva aprire le porte dell’autobus per farle uscire.

Gemellini morti carbonizzati tra le braccia della mamma
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano tragedia