Elisa e Costantino dovevano sposarsi. Gioele “miracolato”: ” Dormivo non sono andato”

sei in  Cronaca

2 settimane fa - 13 Gennaio 2022

La loro auto si è ribaltata nel Trebbia: nell’incidente hanno perso la vita tutti e quattro.

Gioele, 21 anni, doveva essere con loro, ma non è uscito e si è salvato.

Oggi racconta: «Dividevamo tutti, ora mi restano solo i loro messaggi vocali»

Avrei dovuto esserci anche io con tutti loro, prima al “Bistrot A21” per festeggiare il compleanno di “Wollas” e poi sul Trebbia, a cantare, come facevamo sempre.

Ma mi sono addormentato, non ho risposto alle loro chiamate; ero piuttosto stanco, in questi giorni sto lavorando tanto. Poi ci siamo scambiati messaggi sino alle 22 e 30.

“Costi” me ne ha mandato un ultimo proprio buffo, un audio in cui chiedeva a Wollas di farsi gli auguri da solo.

Inn queste ore l’ascolto di continuo, eravamo inseparabili e ora mi resta solo una voce…».

Gioele ha 21 anni, vive nel Lodigiano
ed è operaio in un’azienda meccanica nella motor valley emiliana.

Era anche il miglior amico di Costantino Merli, il trapper 22enne (noto come «Milion$»), morto martedì notte in un incidente assieme alla fidanzata Elisa Bricchi, 20; all’altro trapper Domenico Di Canio («Dome»), 22; e a William Pagani («Wollas»), produttore.

C’era una nebbia fittissima e la loro Golf si è ribaltata nel Trebbia a Calendasco, nel Piacentino.

Non si sono accorti che oltre la curva ad angolo retto della strada poderale che stavano percorrendo ,c’era il fiume che volevano raggiungere per chiacchierare ancora un po’.

«Era la nostra classica fine serata» ricorda Gioele che martedì , ha raccontato , è rimasto tutto il giorno da solo, sull’argine, silenzioso, a guardare i soccorritori (allertati dal pescatore che ha visto l’auto rovesciata) mentre tiravano fuori i corpi dall’acqua.

Con Costi «abbiamo diviso tutto: sempre insieme dalle elementari al liceo».

Del gruppetto, Gioele, «innamorato della meccanica», era l’unico non «fissato con la trap.

Loro facevano sul serio e io li incitavo: se è il vostro sogno, andate avanti…».

Wollas era il talentuoso «regista»
che pensava alle basi musicali e curava i video.

«Un’attività avviata con fantasia già da adolescente» è il ricordo, faticoso per la commozione, di una sua prof del liceo artistico «Cassinari», Cristina Martini.

Dome, origini pugliesi e appassionato di teatro, invece musicava la sua vita raccontando l’infanzia all’oratorio e certe interminabili partite a pallone.

E poi Milion$: in «Vivi» — strano brano trap in una Milano dark — guarda al futuro con fiducia:
«Triste e cruda la mia vita, sembra un tunnel in galleria, ma la luce s’avvicina…».

Forse quella luce era il sorriso bello della sua Elisa con cui era fidanzato da un anno.

«I loro cuori resteranno sempre insieme» dice sicura adesso Antonella Grandini, impiegata alla Diocesi di Piacenza e mamma della ragazza che «pensava di sposarsi con Costi, tanto che si erano scambiati le fedine.

Anche lei amava la musica: a quattro anni già suonava il piano, a otto la batteria.

Era seria e matura, più matura della sua età. Lavorava come commessa e intanto studiava per i concorsi pubblici».

Dell’altra notte, il ricordo di Antonella è che a un certo momento, non vedendo Elisa rincasare, è entrata «nella sua cameretta trovandola intatta, nessun messaggio sul cellulare. Non era da lei…».

Elisa e Costantino dovevano sposarsi. Gioele “miracolato”: ” Dormivo non sono andato”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano