Elezioni comunali Napoli : Manfredi doppia Maresca e vince al primo turno. Un plebiscito

Una vittoria schiacciante
sei in  Politica

2 mesi fa - 4 Ottobre 2021

Il professore ,sostenuto dal centrosinistra doppierebbe, il magistrato sostenuto ,
dal centrodestra.

Quindi a Napoli niente ballottaggio, stando ai dati dei primi exit poll Opinio diffusi dalla Rai subito dopo la chiusura dei seggi alle ore 15.

Il dato politico che emerge a caldo,
a pochi secondi ,dopo gli exit poll e gli instant poll .

È la vittoria schiacciante dell’alleanza fra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle che avrebbe ‘asciugato’ ogni possibilità dei principali outsider.

Maresca aveva perso ben tre liste per problemi organizzativi, Bassolino ,
e Clemente invece non si sarebbero dimostrati in grado di catalizzare, all’interno del centrosinistra, entusiasmo tale da sovvertire i pronostici di partenza. 

Manfredi è stato ‘benedetto’ dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ,che molto si è speso, in termini di organizzazione delle liste civiche, per supportare l’ex rettore.

Nato il 4 gennaio 1964 a Ottaviano,
in provincia di Napoli, nel 1988 si laurea in ingegneria civile, con 110/110 e lode presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II,
dove nel 1998 viene nominato professore di tecnica delle costruzioni, il 1º novembre 2014 diventa rettore del medesimo ateneo.

La sua attività di ricerca ,
è volta principalmente all’ingegneria sismica.

È stato membro del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e della Commissione Grandi Rischi della Protezione civile.

Autore o curatore di numerosi libri e di oltre 400 lavori scientifici, ha coordinato numerosi progetti ,
di ricerca nazionali e internazionali e partecipato alle attività di autorevoli associazioni nazionali e internazionali di carattere scientifico e normativo.

Il 28 dicembre 2019, viene designato come Ministro dell’università, e della ricerca nel governo Conte II.

Il 10 gennaio 2020 entra in carica, giurando nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, cessando quindi dall’incarico di Rettore, le cui funzioni vengono assunte dal prorettore Arturo De Vivo.

Mantiene l’incarico al MUR fino al 13 febbraio 2021; durante questo periodo ha supervisionato, la risposta alla pandemia di COVID-19 ,in relazione alle università italiane, implementando in via precauzionale ,le lezioni online, agli studenti nelle aree chiave più colpite dalla pandemia a partire dal 2 marzo.

Sempre da Ministro, ha presentato un progetto di riforma, composto da più fasi e approvato dal Consiglio dei ministri, che prevede l’abolizione dell’esame di stato per svolgere la professione di: biologo, architetto, farmacista, veterinario, psicologo e dentista, semplificando le modalità di accesso all’esercizio delle professioni, accorciando i tempi durante gli anni universitari e l’introduzione della laurea magistrale a ciclo unico in Odontoiatria e protesi dentaria, in Farmacia e farmacia industriale, in Medicina veterinaria, in Psicologia.

Elezioni comunali Napoli : Manfredi doppia Maresca e vince al primo turno. Un plebiscito
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Politica Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano