Bimbo piuma e supereroe : Lorenzo vince la sfida della vita

sei in  Cronaca

1 mese fa - 23 Dicembre 2021

La storia di Lorenzo è una bellissima favola di Natale tutta da raccontare.

Da ieri ,il piccolo è tornato a casa,
e potrà cominciare a vivere come tutti gli altri neonati.

Riempiendo il cuore di mamma Elena
di gioia, dopo mesi di timori e paure.

Lorenzo infatti è un bambino piuma.
Uno di quelli che vengono alla luce prima della 32esima settimana,
ed entrano al massimo nel palmo della mano.

Con gli occhi bendati nelle Tin ,(Terapie Intensive Neonatali),
perché devono essere accompagnati nelle prime fasi della vita come se fossero ancora nella pancia della mamma.

Cioè al buio, con organi poco o per nulla sviluppati, collegati a macchine che segnalano ogni minimo cambiamento.

La nascita pretermine di Lorenzo però è ancora più eccezionale.

Sono chiamati bimbi piuma ,
tutti quelli con un peso inferiore a un chilo e mezzo, ma lui al momento della nascita prematura ,pesava appena
370 grammi.

Dopo due operazioni ,e quattro mesi
di ricovero al Policlinico di Milano,
da ieri Lorenzo, figlio di una coppia italiana ,è fuori pericolo.

Pesa più di tre chili ,e ha iniziato
la sua vita fuori dall’ospedale come un qualsiasi neonato.

«Storie come queste ci fanno reinnamorare del nostro lavoro», ammette Ernesto Leva, direttore della Chirurgia Pediatrica del Policlinico di Milano.

Il quale ha effettuato l’intervento insieme a Francesco Macchini, annunciando che «Lorenzo sta bene,
è tornato a casa ed è arrivato a superare i tre chili.

Anche per questo, per noi rimarrà sempre un supereroe». 

Quando Elena ha saputo di aspettare un bambino era al settimo cielo.

Ha vissuto la gravidanza con tranquillità ma poi all’improvviso è accaduto l’imprevedibile.

Al quinto mese è dovuta correre all’ospedale della sua città, vicino a Milano, perché improvvisamente era iniziato il travaglio, ben 16 settimane prima del tempo.

Una gravidanza regolare dura in media 40 settimane.

Lorenzo invece è nato con oltre quattro mesi di anticipo ,a solo 24 settimane
di gestazione, piccolissimo, pesava solo 370 grammi.

Un «bimbo piuma», come vengono chiamati dai neonatologi, i quali mettono in campo tutta la loro conoscenza.

E le tecnologie più avanzate per tenere in vita questi minuscoli bambini (entrano nel palmo di una mano), che non hanno sviluppato ancora del tutto i loro organi.

Neonati ,che fino a pochi anni fa rischiavano di vedere il proprio percorso di crescita a rischio, di complicazioni gravi ma che oggi grazie alla ricerca e all’evoluzione della medicina, procedono nel loro sviluppo anche senza conseguenze. 

Bimbo piuma e supereroe : Lorenzo vince la sfida della vita
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano