Andrea 14 anni muore per una emorragia . L’ultimo gesto d’amore dei genitori ” Donati gli organi nostro figlio vivrà in altri bambini”

Il dramma di Andrea
sei in  Cronaca

1 mese fa - 16 Ottobre 2021

Era stato operato ,e il peggio ,
sembrava passato, ma poi il dramma all’ospedale di Padova.

È morto a 14 anni, compiuti appena
un mese prima della tragedia ,
Andrea Santacatterina.

La causa del decesso , una emorragia cerebrale massima, dopo che il ragazzo aveva già superato ,un intervento chirurgico ,ed era pronto a tornare a casa perché stava bene, migliorava di giorno in giorno ,secondo i medici.

Invece ,la notte tra il 4 e il 5 ottobre scorso, nessun medico ha potuto far nulla ,per lui.

Andrea, che frequentava il liceo scientifico Cornaro, e che era stato ricoverato la scorsa primavera ,
a Padova ,a causa di una massa tumorale benigna ,al cervello, recentemente era stato operato, ed era tornato a casa.

Dieci giorni fa ,però il quattordicenne è stato colpito ,da emorragia massiva
e non ce l’ha fatta.

A raccontare il dramma ,della sua famiglia sono i quotidiani locali.

La tragica notizia della morte,
del ragazzo ha fatto ,subito ,
il giro della città, dove il papà Antonio è un noto odontoiatra.

I genitori hanno deciso di donare tutti gli organi del figlio; cornee, cuore, fegato e reni.

I funerali del ragazzo si sono svolti venerdì mattina nella parrocchia di Terranegra, dove la sua famiglia vive.

A celebrare la messa don Fabio Artusi:

“La messa si è tenuta fuori, vista anche la bella giornata , le parole del sacerdote riportate dal Corriere del Veneto , c’era tanta gente, Andrea era un ragazzo molto amato e molto sveglio, era appassionato di libri e attualità, un giovane di grande cultura, vivace come tutti i ragazzini della sua età, ma attento al mondo che gli girava intorno. È un grande dolore averlo perso”.

Andrea 14 anni muore per una emorragia . L’ultimo gesto d’amore dei genitori ” Donati gli organi nostro figlio vivrà in altri bambini”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST primo piano tragedia