Pnrr, la Conferenza Stato-Regioni premia la capacità progettuale di Consac C’è l’ok allo stanziamento di 14,5 milioni per 2 lotti della condotta del Faraone

Maione: con le risorse già ottenute dalla Regione si arriva a quota 20 milioni Risultato importante atteso da anni. Noi lavoriamo sodo, non facciamo propaganda
sei in  Cronaca

2 mesi fa - 9 Dicembre 2021

Vallo della Lucania. “La notizia della recente approvazione, da parte della Conferenza Stato-Regioni, del riparto dei fondi del Pnrr relativi al potenziamento delle infrastrutture

idriche, e in particolare dello stanziamento di oltre 14,5 milioni per due lotti collegati alla condotta del Faraone, conferma, ancor più se si tiene conto che la cifra raggiunge circa

20 milioni di euro grazie ai finanziamenti già ottenuti dalla Regione, l’efficacia dell’impegno messo in campo da Consac. Che lavora e progetta al meglio delle proprie capacità, e non fa propaganda.

Erano decenni che si attendevano risposte così importanti per il territorio e fortunatamente il momento è arrivato”. Il presidente di Consac, Gennaro Maione, commenta

così le decisioni assunte a inizio dicembre, in sede di Conferenza Unificata Stato-Regioni, che ha approvato, appunto, il riparto dei fondi del Pnrr per un importo di circa 2 miliardi di euro.

Tra gli interventi finanziati – che hanno l’obiettivo di migliorare la sicurezza degli acquedotti e comprendono opere per ridurre gli sprechi e aumentare la resilienza ai

cambiamenti climatici – rientrano, come detto, i due lotti relativi alla condotta del Faraone, che serve l’intero Cilento, per un importo totale di oltre 14,5 milioni di euro.

I due tratti interessati sono: secondo lotto: importo intervento € 7.260.553,95 – tratto dal partitore di Roccagloriosa al partitore di Palinuro; terzo Lotto: importo intervento € 7.383.734,14 – tratto dal partitore di Dominella-Casalvelino a Montecorice-Ogliastro marina.

Consac gestioni idriche spa è il soggetto gestore del servizio idrico integrato per 55 Comuni compresi nell’area Cilento – Vallo di Diano

CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso