eventi

UÀNEMA, GLI APPUNTAMENTI DEL 1° E 2 NOVEMBRE Da Rezza a Colella passando per i canti polivocali liturgici e l’omaggio a Virgilio

UÀNEMA, GLI APPUNTAMENTI DEL 1° E 2 NOVEMBRE Da Rezza a Colella passando per i canti polivocali liturgici e l’omaggio a Virgilio
Napoli, 31 ottobre 2022- Ultimi due giorni di programmazione per “Uànema – Festa degli altri vivi”, la manifestazione dedicata al culto delle anime del Purgatorio promossa dal Comune di Napoli. Tra le visite guidate, da
segnalare quelle previste all’Ipogeo dei Cristallini e al Cimitero delle 366 fosse, due siti di grande suggestione che ancora oggi ricordano come la pratica della sepoltura iniziò a svilupparsi nella Napoli greca e quale particolare attenzione verso le classi meno abbienti assunse in epoca borbonica.
Nell’elenco degli spettacoli, spiccano i concerti ispirati alla tradizione dei canti polivocali liturgici a cura della Fondazione Pietà dei Turchini; lo spettacolo “Le Cabaret Fantôme”, che popolerà il teatro TIN di personaggi bizzarri
e terrorizzanti alle prese con numeri di arte varia, canzoni e burlesque; l’omaggio a Virgilio con il concerto spettacolo tratto dal Libro VI dell’Eneide previsto al Castel dell’Ovo.
Il programma completo della manifestazione e le modalità di partecipazione ai singoli eventi sono disponibili sul sito e sui profili Facebook e Instagram del Comune di Napoli.

1° NOVEMBRE

Via Fontanelle Al Trivio, 38 – h 10.30
CIMITERO DELLE 366 FOSSE (Cimitero di Santa Maria del Popolo)
Visite guidate a cura del prof. Gennaro Rispoli

Cinema Modernissimo – h 12.00
L’ALBA DEI MORTI RIDENTI
Proiezione straordinaria per tutte le età
Coco diretto da Lee Unkrich (Disney Pixar)

P.zza Monteoliveto, 4 – h 19.00/22.00
CHIESA SANT’ANNA DEI LOMBARDI
Visite guidate a cura di ParteNeapolis

Chiesa di Santa Luciella ai Librai – h 19.00/20.00/21.00
48 MORTO CHE PARLA (evento sold out)
Corso intensivo di smorfia napoletana per sognatori di morti principianti Performance artistico culturale di e con Amedeo Colella

Storie di capuzzelle, di anime del purgatorio, di comunicazione tra il mondo dei morti e quello dei vivi, di sogni di assistiti e di numeri al banco lotto. Storie di misteri nella città più esoterica d’Italia raccontati con l’inconfondibile dissacrante stile di Amedeo Colella, scrittore ed umorista napoletano. Napoli è città di misteri, fantasmi, spiriti,
anime pezzentelle, janare, munacielli, belle mbriane …curnicielli. Credenze popolari, apparizioni, corna, spettri, apparizioni, assistiti, jettatori, ciucciuvettole, riti esoterici : a Napoli il corredo esoterico è completo!

Complesso museale Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco – h 19.10/21.10
PITECUS
Ridere della morte
Visite e performance artistiche con Antonio Rezza, a cura di Antonio Rezza e Flavia Mastrella

Lo spettacolo analizza il rapporto tra l’uomo e le sue perversioni:
laureati, sfaticati, giovani e disperati alla ricerca di un’occasione che ne accresca le tasche e la fama, pluridecorati alla moralità che speculano sulle disgrazie altrui, vecchi in cerca di un’identità che li aiuti ad ammazzare il tempo prima che il tempo ammazzi loro.
Lo spettacolo è diviso in 4 quadri:
1. ore 19,10 parte la prima visita 1° quadro di Rezza – durata 15 minuti
2. ore 19,50 parte la seconda visita 2° quadro di Rezza – durata 15 minuti
3. ore 20,30 parte la terza visita 3° quadro di Rezza durata – 15 minuti
4. ore 21,10 parte la quarta visita 4° quadro di Rezza durata – 15 minuti

Rampe San Giovanni Maggiore, 14 – h 19.15/20.45
BASILICA DI SAN GIOVANNI MAGGIORE
Visite guidate con inizio ogni 45 minuti

Largo Fabrizio Pignatelli – h 19.30/20.30
ARCICONFRATERNITA DEI PELLEGRINI CHIESA DI S. MARIA MATERDOMINI RITUALE DELLA PRESENZA

Visite guidate e concerto con Laura Cuomo e Francesco Santagata
Quattro movimenti “di dolcezza e pathos” con la voce protagonista di Laura
Cuomo, solista o moltiplicata in canto da litania, coro greco, polifonia
elettrica (con l’ausilio della loopstation), coadiuvati dal sostrato
elettroacustico dei synth di Francesco Santagata.

TIN – Teatro Instabile Napoli – h 22.00
LE CABARET FANTÔME

Spettacolo teatrale (Cabaret, Burlesque)
Le Cabaret Fantôme è uno spettacolo dalle tinte scure e grottesche ispirato al Grand Guignol, al Cabaret de l’Enfer della Parigi di inizio Novecento e al Kabarett della Repubblica di Weimar. Presenze macabre, sinistre ed incorporee infestano il teatro, un carosello di personaggi bizzarri emergono dalle tenebre per deliziare e terrorizzare gli ospiti con numeri di arte varia, con musiche, canzoni, monologhi e performance di Burlesque.
In una piovosa Napoli sospesa in un’epoca lontana, personaggi scalcinati si aggirano per le strade umide della città. Un polveroso cabaret è il loro rifugio. È lì che svelano la loro arte, le proprie visioni bizzarre e romantiche.
Marlon Dietrich, psicopompo in bombetta e reggicalze, condurrà lo spettacolo introducendo i siparietti macabri di Fanny Damour, diva erotica e decadente del varietà, Monsieur De Sade, ventriloquo e cantore di storie, Cherie
Garçon, cuore sanguinante dal canto pulito e ammaliante, ossessionata dai gatti neri.

2 NOVEMBRE 2022

Via Fontanelle Al Trivio, 38 – h 10.30
CIMITERO DELLE 366 FOSSE (Cimitero di Santa Maria del Popolo)
Visite guidate a cura del prof. Gennaro Rispoli

Via dei Cristallini, 133 – h 19.00/20.00
IPOGEO DEI CRISTALLINI
Visite guidate

Via Vittorio Emanuele III a Secondigliano, 96 – h 19:00/22:00
CHIESA DEI SANTI COSMA E DAMIANO
Visite guidate con intermezzi musicali

Castel dell’ovo, Sala Sirena – h 19.00
CONCERTO DAL LIBRO VI DELL’ENEIDE (evento sold out)
Concerto spettacolo
Regia: Matteo Belli.
Musiche: Paolo Vivaldi
Con Matteo Belli, attore; Paolo Vivaldi, pianoforte; Teresa Ceccato, violino; Claudia Della Gatta, violoncello Una Compagnia di artisti girovaghi, capitanati da un capocomico dai modi grotteschi, inscena, nel perimetro di una

simbolica e fatiscente “zattera della medusa”, il racconto della discesa agli Inferi di Enea, del percorso che lo porta, durante il progressivo disvelamento apocalittico dei misteri dell’Ade pagano, sotto la guida della Sibilla Cumana, alla profonda intimità del colloquio con il padre Anchise.
Una lettura che, prediligendo un taglio narrativo di estrema sobrietà, cerca di cogliere l’autonoma organicità dell’episodio in questione rispetto alla complessità dell’intera opera, in una traduzione rispettosa della lettera e
adatta allo spettatore moderno, mai dimentica dell’incedere del verso di Virgilio, a partire dalla dinamica sonorità suggerita dall’esametro epico.
La dimensione musicale-concertistica, potentemente evocativa, rappresenta il lungo filo di Arianna che restituisce il vigore espressivo e compattezza strutturale alle centinaia di versi interpretati a memoria dall’attore, in un continuo e
variegato gioco sinfonico tra gli interpreti, ove la musica amplifica a più voci la latitudine armonica della partitura poetica, in un agire scenico non dimentico di un’antica prassi fabulatoria, ma assolutamente libero, nel tentativo di arricchire con una poliedrica vocalità le suggestioni evocative della pagina scritta.

Rampe San Giovanni Maggiore, 14 – h 19.30
BASILICA DI SAN GIOVANNI MAGGIORE
L’UFFICIO DELLE TENEBRE – I RESPONSORI

Concerto del coro Estro Armonico diretto da Silvana Noschese
Il concerto si ripropone di attuare una ricostruzione dello svolgimento liturgico del Mattutino del Giovedì e del Venerdì Santo nell’intonazione di compositori polifonici antichi e contemporanei.