Stava organizzando una festa con fuochi d’artificio per la nascita del primo figlio, ma qualcosa va storto: Christopher muore ad appena 28 anni

Christopher Pekny, 38 anni, ha perso la vita a causa dell'esplosione di un grosso petardo. L'uomo stava organizzando una festa con fuochi d'artificio per annunciare la nascita del primogenito.
di antonella mosella
2 settimane fa
23 Febbraio 2021
Stava organizzando una festa con fuochi d’artificio per la nascita del primo figlio, ma qualcosa va storto: Christopher muore ad appena 28 anni

Un evento gioioso, un’occasione di festa finisce purtroppo in tragedia. La notizia che non pensavamo di dover mai ascoltare giunge impetuosa dagli Stati Uniti, dove un neo-padre ha incontrato la morte in maniera assolutamente imprevedibile.

La vittima risponde al nome di Christopher Penky, di soli ventotto anni. L’uomo stava preparando una festa insieme alla compagna, per annunciare il sesso del nascituro.

La festa prevedeva l’uso di fuochi d’artificio. Purtroppo, però, quella che sembrava una scelta come un’altra si è rivelata una terribile trappola, che ha innescato la tragedia della famiglia.

Christopher, infatti, ha incontrato la morte proprio in questa occasione. La causa del decesso è stato un grande petardo, che gli è esploso sul volto. L’uomo è stato completamente investito dal colpo.

Insieme a lui, hanno riportato delle ferite anche due fratelli di Christopher. È stato sufficiente un attimo di distrazione, per fare sì che accadesse l’impensabile.

La tragedia

L’incidente increscioso è avvenuto la scorsa domenica nella città di Liberty (New York). L’esplosione è stata talmente forte da provocare lesione gravi in uno dei due fratelli rimasti feriti, il ventisettenne Michael Pekny.

Sono immediatamente intervenuti i soccorsi, che hanno condotto Michael in ospedale. Qui, l’uomo si trova attualmente ricoverato. Il terzo fratello, invece, ha riportato delle ferite più leggere. Infine, Christopher purtroppo ha pagato il prezzo più alto: quello che si sconta con la vita.

I tre si trovavano all’interno del garage, verso mezzogiorno. Stavano costruendo a mano l’ordigno. Ma qualcosa è andato storto: l’ingranaggio è esploso tra le loro mani.

Le indagini

Gli agenti di polizia newyorkesi stanno portando avanti le indagini, soprattutto per verificare che tipo di dispositivo i tre uomini stessero maneggiando.

Dalle prime indiscrezioni pare che si trattasse di una specie di tubo contenente della polvere da sparo. L’intento era quello di utilizzarlo per realizzare dei fuochi d’artificio in vista della festa per scoprire il sesso del/la bambino/a. Era il primo figlio della coppia.

Un lieto evento, purtroppo, si è rovesciato in dramma, trascinando nel dolore l’intera famiglia. Il fratello Peter Pekny Jr., 34 anni, il maggiore dei tre, ha dichiarato: “Christopher non vedeva l’ora di mettere su famiglia. Stava davvero iniziando a sistemarsi e a crescere”.

Temi di questo post