Gossip

Raoul Bova, nei guai con il Fisco: l’accusa è di evasione per 417mila euro

Raoul Bova, nei guai con il  Fisco: l’accusa è di evasione per 417mila euro

Raoul Bova, ancora guai con il Fisco: l’attore accusato di aver evaso 417mila euro

Il rapporto tra il Fisco e Raoul Bova non sembra intenzionato ad appianarsi: il noto attore è – nuovamente – finito sotto processo perché accusato di aver evaso 417mila euro nel 2011. Il reato contestatogli dalla Procura è “dichiarazione fraudolenta mediante artifici”: Bova sarebbe responsabile del trasferimento di costi alla società che gestisce la sua immagine (la Sanmarco srl, di cui è socio all’80%), un escamotage che gli avrebbe consentito di pagare un’aliquota più bassa. “Nella dichiarazione dei redditi – si legge negli atti – sono stati indicati elementi attivi per un ammontare inferiore a quelli effettivi ed elementi passivi fittizi”. La conseguenza sarebbe stata un’evasione Irpef pari a 417 mila euro. Sul processo, la cui prossima udienza risulta fissata il 6 dicembre, incombe però la prescrizione.

Raoul Bova, guai con il Fisco: si attende l’appello per la prima condanna di evasione

E’ la seconda volta che Bova deve affrontare guai giudiziari legati al mancato versamento di imposte. Nel 2017 era stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione (con sospensione della pena), sempre per “dichiarazione fraudolenta mediante artifici”, per un’evasione di circa 600mila euro risalente al periodo tra il 2005 e il 2010. Condanna per la quale l’attore è in attesa del processo di appello in cui proverà a ribaltare la pronuncia del giudice.

Proprio commentando la condanna del 2017 per evasione fiscale, Bova aveva parlato d’ingiustizia e si era sfogato con l’ex pubblico ministero Luca Palamara, all’epoca consigliere al Csm: “Ti prego di indagare su questa sentenza, la trovo un’ingiustizia senza precedente. Tutti assolti tranne me”. La risposta era stata: “Non bisogna mollare ora”.

Raoul Bova, il processo anche per lite automobilistica

Ma non è finita qui, perché l’attore è atteso in tribunale il prossimo giovedì anche per un altro processo, scaturito questa volta in seguito a una lite automobilistica avvenuta il 27 aprile 2019: Bova dovrà difendersi dalle accuse di violenza privata, minacce e lesioni perché avrebbe aggredito un automobilista dopo che quest’ultimo avrebbe quasi investito la sua compagna Rocío Muñoz Morales. Anche l’automobilista è finito a processo, accusato di violenza privata per aver effettuato “una manovra azzardata che aveva messo in pericolo l’incolumità fisica” della Morales.

Scopriamo cosa c’è da sapere su Raoul Bova: dalla carriera, tra cinema e tv, alla vita privata con la sua Rocio.

Nato il 14 agosto 1971 (Leone) Raoul Bova è un famosissimo attore italiano, la cui bellezza è nota in ogni parte del mondo. Da sempre timido e riservato, nel 2012 ha infiammato il mondo del gossip separandosi dalla moglie Chiara Giordano e legandosi all’attrice spagnola Rocio Munoz Morales. Scopriamo cosa c’è da sapere sulla vita sentimentale dell’attore, sulla sua famiglia e sul (presunto) tradimento!

Raoul Bova: i figli e la vita privata

Ha una sorella, Tiziana, e un nipote, Mattia. Nel 2000 ha sposato Chiara Giordanoveterinaria e figlia dell’avvocato matrimonialista Annamaria Bernardini de Pace. La donna ha dato a Raoul Bova due figli: Alessandro Leon e Francesco.

Nel 2012 l’attore si separa dalla moglie suscitando uno scandalo, e inizia una relazione con l’attrice Rocio Munoz Morales: “La nostra storia è sempre stata vista a livello fisico, ma di lei non mi ha attratto solo un sedere. La cosa che mi dà più fastidio è essere considerato il classico uomo che lascia la moglie per una più bella, per una più giovane.

Ok, Rocìo è giovane, ma in quel momento mi sono sentito attratto dalla persona che è. Ed è una gran bella persona, ha raccontato l’attore a L’Intervista. Ha sempre dichiarato di non aver mai tradito la propria moglie, e di essersi innamorato di Rocio solo quando il suo matrimonio era ormai in crisi da diverso tempo.

Nel 2015 è venuta al mondo la loro prima figlia, Luna; il 1 novembre 2018 arriva una sorellina, Alma.

Nel 2018 ha perso il padre e un anno e mezzo dopo anche la madre: questi due eventi più un infortunio alla gamba che ha avuto gli hanno dato dei problemi di salute, come anche da lui raccontato in un’intervista dell’ottobre 2020 a Tv Sorrisi e Canzoni. “Bisogna essere se stessi, non fare le cose per compiacere gli altri. Oggi mi ha aiutato molto tornare a nuotare, dopo un periodo difficile in cui avevo perso mamma e papà a distanza di un anno e mezzo, e il lavoro non andava troppo bene perché stavo male: mi ero rotto una gamba e tra cure e fermo forzato ero ingrassato di 20 chili. Ora mi alleno tutti i giorni, vado a nuotare alle 5 del mattino e alle 7 sono sul set felice e pieno di energia” ha raccontato. Qualche giorno dopo si è presentato insieme alla compagna sul red carpet della Festa del Cinema di Roma visibilmente dimagrito.

L’attore abita con la sua compagna, Rocio Munoz Moreles in una casa splendida nel cuore di Roma, la sua città.

Chi è la compagna di Raoul Bova?

Ballerina, coreografa e attrice, Rocio Munoz Morales, in Italia è conosciuta soprattutto per aver recitato nel film Immaturi.

È stata coreografa a ¡Mira Quién Baila!, la versione spagnola di Ballando con le stelle, è andata in tour mondiale con il cantante Julio Iglesias. Per molti anni, inoltre, ha lavorato come modella.

Raoul Bova in 11 curiosità

-Il 13 novembre 2015, durante l’attentato al Bataclan di Parigi, la sua ex moglie e i suoi due figli si trovavano vicinissimi al luogo dell’attentato. L’attore ha raccontato a L’Intervista di Maurizio Costanzo i drammatici momenti e le telefonate intercorse tra loro quel giorno: “Mi sentivo impotente, quella notte ho chiamato chiunque per far sì che rientrassero a casa”, ha detto tra le lacrime.

-A 4 anni ha rischiato di annegare, e quindi i genitori lo hanno iscritto a nuoto, sport di cui è stato campione nazionale.

-I suoi figli hanno nascosto spesso il loro cognome: “A volte i miei figli nascondevano perfino di chiamarsi Bova per non essere riconosciuti, ha raccontato a L’Intervista. per quanto riguarda il suo futuro: inizialmente hanno rifiutato categoricamente la professione di attore, ma papà è convinto che le vocazioni non si possano negare.

Madonna avrebbe un vero debole per Raoul Bova: sarebbe stata proprio la famosa regina del pop a chiedere che venisse ingaggiato anche lui per uno spot della Max Factor che l’ha vista protagonista.

-Nonostante la sua grande popolarità, non è attivissimo su Instagram, dove pubblica per lo più scatti dai vari set e selfie.

-Il nipote, Mattia, gli somiglia tantissimo.

-Nel 2022 ha recitato nella fiction, girata a Torino, Giustizia per Tutti: nel cast anche la moglie Rocio

-Nella fiction Made in Italy, lo sceneggiato che racconta la storia di Armani, Raoul veste i panni del protagonista, lo stilista Giorgio.

-Nel 2021 è stato scelto per Don Matteo 13 ma non in un ruolo qualsiasi: Raoul è il “traghettatore” dal vecchio al nuovo corso della fiction di Rai 1. L’addio di Terence Hill, dopo una serie di stagioni di grande successo dal punto di vista degli ascolti, è stato infatti reso attraverso un passaggio di testimone, da Terence a Raoul, nei panni del religioso diventato poi protagonista.

-Nel 2021 ha recitato in Buongiorno, mamma, fiction di Canale 5 insieme tra gli altri a Serena Autieri.

-In Don Matteo, a differenza di quest’ultimo che andava spesso in bici, ha una moto con cui si muove. Nella vita reale Bova ha guidato per un periodo la vespa, come detto ad Autovelox, e ha anche fatto motard.

Quanto guadagna Raoul Bova?

Raoul Bova, essendo uno degli attori più importanti del panorama dello spettacolo italiano, ha un patrimonio non indifferente, solo che le cifre non si conoscono. Come riportato, però, da Lanostratv.it, per un film per la tv Bova chiede 300mila euro, anche se questo poteva essere vero nel 2012.

Fonte Affari Italiani

Condividi
  • TAG :

Giuseppe Cossentino

Bonus bollette,nuove fasce e classe di consumo: ecco cosa cambia
bollette
Bonus bollette,nuove fasce e classe di consumo: ecco cosa cambia
L’8 Dicembre Clementino al “Pozzuoli S’move”
Associazione “Zona Darsena”
L’8 Dicembre Clementino al “Pozzuoli S’move”