Archivio

Operaio morto schiacciato nel cantiere, una famiglia distrutta: “Non doveva accadere”

di  redazione  -  14 Gennaio 2020

Era un operaio esperto Raffaele Ielpo, il 42enne deceduto ieri pomeriggio nei cantieri della M4 a Milano in piazza Tirana. Il caposquadra stava lavorando come ogni giorno a quella che sarà la nuova linea della metropolitana milanese quando è avvenuto l’incidente che gli è costato la vita: alle 18.40 un cumulo di detriti ha infatti travolto Raffaele schiacciandolo a circa 18 metri di profondità. Inutile l’intervento del personale medico del 118 accorso sul posto con due ambulanze e un’auto medica.

L’uomo, secondo quanto riferito dall’Azienda regionale emergenza urgenza, è stato prima rianimato sul posto e poi trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale San Carlo dove è giunto in arresto cardiaco: poi il decesso avvenuto poco dopo.

Sindaco Sala: A disposizione della famiglia
Un ennesimo incidente sul lavoro costato la vita a un operaio che come tanti stava solo svolgendo il proprio compito, questa volta in uno dei cantieri del capoluogo lombardo volti alla costruzione della nuova linea della metropolitana cittadina. Immediato il cordoglio del sindaco di Milano Giuseppe Sala che nella tarda serata di ieri, poco dopo la notizia della morte del 42enne ha diffuso una nota: “Voglio esprimere il cordoglio alla sua famiglia e la vicinanza ai suoi colleghi, sono profondamente costernato per quanto accaduto – le parole del primo cittadino – come sindaco e a nome di tutta l’Amministrazione comunale siamo a disposizione della famiglia per tutto quanto necessario in questo difficile e tragico momento”.

Granelli: Oggi fermi i lavori alla M4
Mentre l’assessore ai Trasporti del Comune di Milano, Marco Granelli, ha ieri comunicato che i lavori alla linea della metro M4 verranno sospesi per l’intera giornata di oggi in segno di lutto: “Questo pomeriggio c’è stato un tragico incidente in uno dei cantieri della M4, il manufatto Tirana – si legge in un lungo post condiviso su Facebook – purtroppo c’è una vittima il caposquadra, ne sono affranto. Alla sua famiglia e ai suoi colleghi va il mio più forte cordoglio”. L’assessore ha poi confermato la propria partecipazione alla cerimonia religiosa che si terrà sempre oggi al campo base di Buccinasco.

Indagini in corso per ricostruire l’accaduto
Ora si dovrà indagare su quanto accaduto e sulle cause dell’incidente costato la vita al 42enne Raffaele Ielpo: nato a Lauria, nel Potentino, Ielpo era un esperto del settore. Caposquadra della Tbm, lavorava per ‘Metro Blu’, il consorzio incaricato della costruzione della linea M4. Aveva lavorato anche nella costruzione dell’alta velocità in Toscana e nella realizzazione del traforo del Monte Bianco.

Fonte: https://milano.fanpage.it/

.