Napoli, se il Covid non ci mette lo “zampone” con la Juve è la volta buona

Per l'ennesima volta la gara di Torino rischia di essere nuovamente rimandata. I casi di contagio dei nazionali potrebbero indurre l'ATS piemontese a mettere in quarantena il gruppo bianconero
di redaz. sport
2 settimane fa
6 Aprile 2021
Napoli, se il Covid non ci mette lo “zampone” con la Juve è la volta buona

E’ la gara dei dubbi e delle incertezze questo recupero tra Juventus e Napoli. Nel segno del Covid, era destino che fosse così, ad ottobre, come oggi. E come allora, Napoli col favore del pronostico su su una Juventus che sembra senza personalità.

Né un’identità, né un gioco. Ma il calcio è fatto per smentire se stesso e soprattutto i pronostici a tavolino. E allora Juventus – Napoli sarà decisa finalmente dal campo o ancora rinviata per l’intervento questa volta dell’Asl di Torino, a causa dei tre contagiati bianconeri Bonucci, Demiral e Bernardeschi?

Una partita disgraziata che è nata male, e rischia di finire peggio. Per chi? Per Pirlo e la Juve o per il Napoli e Gattuso? A fare l’elenco degli errori visti commettere dalla Juve nel derby e dal Napoli contro il Crotone c’è da pensare che nessuna delle due squadre è favorita per questi 90 minuti decisivi.

Ma visto che non si può perdere in due, vediamo quale delle due farà meno errori e ci metterà più attenzione. Con gli stessi punti e, con il Napoli che ha vinto la gara di ritorno, tocca alla Juve inseguire la vittoria per sopravanzare gli azzurri in classifica.

Ce la farà l’orgoglio bianconero dopo i tonfi in Champions e contro il Benevento, e il mezzo passo falso nel derby? Che tipo di gara imposterà il Napoli dopo i blitz in trasferta di Milano e Roma?

Domande e tanti interrogativi cui solo il campo, domani, potrà dare risposte. Potrebbe venir fuori una gran partita, così come una gara bloccata dalla paura di entrambe di perdere.

La preoccupazione però è un’altra, e riguarda la tenuta fisica e mentale dopo una stagione. Faticosissima per una partita che, a occhio e croce, vale una cinquantina di milioni di euro e il futuro delle due assolute protagoniste delle ultime 6/7 stagioni.

Non sarà perciò, domani, solo questione di gambe e di tecnica. Questa Juve – Napoli si giocherà soprattutto con la testa ed i nervi saldi. Sembra averne di più il il Napoli in questo momento che recupera in difesa Koulibaly e Demme a centrocampo.

Aumentano così possibilità e qualità degli azzurri. La Juve con una difesa arrangiata deve puntare sull’attacco e su Ronaldo e Morata. Più l’eventuale ritorno del monello Dybala pronto al rientro con Arthur e McKennie anche loro puniti dopo la festa nella villa dell’americano.

La Juve, insomma, arriva alla partita in condizioni peggiori tra Covid, risultati altalenanti, e serate focose. Fattori che basteranno al Napoli? Bastano queste disgrazie per far pendere l’ago della sfida dalla sua parte?

Gattuso ha il dovere di provarci avendo recuperato tutto il patrimonio calcistico a disposizione. L’ultima parola, finalmente, la dirà il campo. Oppure no? Andiamola a vedere, questa gara infinita, specchio fedele di una stagione anomala e, a mio sommesso avviso, falsata con più di una partita truccata.

Sergio Curcio