Cronaca

Marco aveva solo 20, è morto in modo terribile durante una battuta di caccia.

di  Redazione  -  20 Ottobre 2018

Marco aveva solo 20, è morto in modo terribile durante una battuta di caccia.

Marco Tosti, 20 anni, è morto questa mattina durante una battuta di caccia nelle campagne reatine, tra Santa Rufina e Cottanello a Cittaducale, provincia di Rieti. Un suo compagno di caccia gli ha sparato un colpo di pistola per sbaglio e il ragazzo è morto.

“La responsabilità politica e morale di questa nuova morte di caccia, l’ennesima, ricade chi non ha raccolto l’appello alla chiusura della stagione venatoria, che abbiamo lanciato dopo la morte di Nathan Labolani”, dichiara Annamaria Procacci, responsabile fauna selvatica Enpa. “La vicenda di questo ragazzo ricorda drammaticamente quella del 19enne ucciso ad Apricale, nell’Imperiese, avvenuta venti giorni fa. Ebbene oggi possiamo dire che quella morte è stata del tutto inutile perché non è servita ad evitare un’altra tragedia. Se il Governo e il Ministro dell’Interno, che hanno tanto a cuore la sicurezza e l’incolumità degli italiani, ci avessero dato ascolto e avessero fermato la stagione venatoria oggi non ci troveremmo a piangere un’altra vittima. Un ragazzo poco più che adolescente avrebbe dovuto prepararsi alla vita, e invece è stato ucciso da una fucilata per una battuta di caccia”, ha dichiarato ancora Procacci, che conclude: “E’ inaccettabile che in Italia si continui a morire per i “capricci” delle doppiette alle quali viene ancora concesso di uccidere per “divertimento”. L’esecutivo di un forte segno di discontinuità e di responsabilità e faccia l’unica cosa sensata: costringa finalmente i cacciatori ad appendere al chiodo i loro fucili”.

Fonte: FanPage