Lucia Caiazza : uccisa dal compagno a calci e pugni, i giudici. Fu violenza per futili motivi

Lucia Caiazza era stata più volte picchiata dal compagno, che la tradiva
sei in  Cronaca nera

1 mese fa - 19 Ottobre 2021

Antonio Garzia, l’uomo che nel maggio del 2020, ad Arzano, durante il lockdown, massacrò di botte ,
la compagna Lucia Caiazza .

Tentando di far credere ,che la donna ,
si fosse fatta male, in un incidente stradale, è ,«caratterizzato da istinti violenti ,ai danni delle compagne ,
che di volta in volta ha avuto.

Espressione finale di una oggettivizzazione della donna ,
intesa quale mero stringenti ,
per la soddisfazione dei propri desideri e nei limiti di una propria utilità, intesa anche come comodità della vita quotidiana».

Lo scrivono, nelle motivazioni ,
della sentenza, i giudici della II sezione della Corte d’Assise ,
che lo scorso luglio condannarono l’imputato a 16 anni ,di reclusione ,
per omicidio preterintenzionale aggravato dai futili motivi.

Lucia Caiazza era stata più volte picchiata dal compagno, che la tradiva, anche con una propria ex, e aveva deciso di mettere fine alla loro convivenza.

Proprio questo, aveva scatenato,
la furia dell’uomo, che si era accanito contro di lei ,spappolandole la milza.

I giudici (presidente Concetta Cristiano, a latere Roberto D’Auria che è anche estensore della sentenza) ,
hanno anche disposto un risarcimento ,
nei confronti delle figlie di Lucia, assistite dall’avvocato Sergio Pisani.

Lucia Caiazza : uccisa dal compagno a calci e pugni, i giudici. Fu violenza per futili motivi