L’ingegnere che va al lavoro in minigonna e tacchi a spillo: «Sono etero, abiti non hanno sesso»

sei in  Gossip

2 settimane fa - 15 Novembre 2021

L’ingegnere che va al lavoro in minigonna (e spopola sui social): «Sono etero, abiti non hanno sesso»

Sessantadue anni, sposato, ha 595mila follower su Instagram

Al lavoro va in gonna e tacchi a spillo. Ma Mark Bryan, ingegnere di 62 anni che vive a Berlino, ripete di essere assolutamente etero, sposato con tre figli e addirittura nonno. «I vestiti non hanno sesso», dice spesso e volentieri: e lui ne è la dimostrazione più

eclatante. Su Instagram è diventato un personaggio da 595mila follower: da 5 anni camicia, cravatta e tubino sono la sua divisa per andare al lavoro ma anche a un appuntamento dal dentista. «Preferisco le gonne ai vestiti. I vestiti non mi permettono di

mescolare i sessi – dice – Preferisco un look ‘maschile’ sopra la vita e uno non di genere sotto la vita».

Mark ama talmente tanto le gonne da sostenere che non dovrebbero essere un capo esclusivamente femminile. E piano piano è diventato un influencer, anche se a lui non piace vedersi come tale. «Ho preso appuntamento per un intervento dall’oculista, e la

segretaria mi ha detto che era felice di conoscermi finalmente – ha scritto sul suo profilo qualche giorno fa – ha detto di essere una mia fan e sapeva che ero venuto spesso in clinica nel passato ma non era mai riuscita a incontrarmi». Anche sua moglie lo

incoraggia negli abiti da indossare.

Al lavoro va in gonna e tacchi a spillo. Ma Mark Bryan, ingegnere di 62 anni che vive a Berlino, ripete di essere assolutamente etero, sposato con tre figli e addirittura nonno. «I vestiti non hanno sesso», dice spesso e volentieri: e lui ne è la dimostrazione più

eclatante. Su Instagram è diventato un personaggio da 595mila follower: da 5 anni camicia, cravatta e tubino sono la sua divisa per andare al lavoro ma anche a un appuntamento dal dentista. «Preferisco le gonne ai vestiti. I vestiti non mi permettono di

mescolare i sessi – dice – Preferisco un look ‘maschile’ sopra la vita e uno non di genere sotto la vita».

Mark ama talmente tanto le gonne da sostenere che non dovrebbero essere un capo esclusivamente femminile. E piano piano è diventato un influencer, anche se a lui non piace vedersi come tale. «Ho preso appuntamento per un intervento dall’oculista, e la

segretaria mi ha detto che era felice di conoscermi finalmente – ha scritto sul suo profilo qualche giorno fa – ha detto di essere una mia fan e sapeva che ero venuto spesso in clinica nel passato ma non era mai riuscita a incontrarmi». Anche sua moglie lo

incoraggia negli abiti da indossare.

Al lavoro va in gonna e tacchi a spillo. Ma Mark Bryan, ingegnere di 62 anni che vive a Berlino, ripete di essere assolutamente etero, sposato con tre figli e addirittura nonno. «I vestiti non hanno sesso», dice spesso e volentieri: e lui ne è la dimostrazione più eclatante. Su Instagram è diventato un personaggio da 595mila follower: da 5 anni camicia, cravatta e tubino sono la sua divisa per andare al lavoro ma anche a un appuntamento dal dentista. «Preferisco le gonne ai vestiti. I vestiti non mi permettono di mescolare i sessi – dice – Preferisco un look ‘maschile’ sopra la vita e uno non di genere sotto la vita».

Mark ama talmente tanto le gonne da sostenere che non dovrebbero essere un capo esclusivamente femminile. E piano piano è diventato un influencer, anche se a lui non piace vedersi come tale. «Ho preso appuntamento per un intervento dall’oculista, e la

segretaria mi ha detto che era felice di conoscermi finalmente – ha scritto sul suo profilo qualche giorno fa – ha detto di essere una mia fan e sapeva che ero venuto spesso in clinica nel passato ma non era mai riuscita a incontrarmi». Anche sua moglie lo incoraggia negli abiti da indossare.

Al lavoro va in gonna e tacchi a spillo. Ma Mark Bryan, ingegnere di 62 anni che vive a Berlino, ripete di essere assolutamente etero, sposato con tre figli e addirittura nonno. «I vestiti non hanno sesso», dice spesso e volentieri: e lui ne è la dimostrazione più

eclatante. Su Instagram è diventato un personaggio da 595mila follower: da 5 anni camicia, cravatta e tubino sono la sua divisa per andare al lavoro ma anche a un appuntamento dal dentista. «Preferisco le gonne ai vestiti. I vestiti non mi permettono di

mescolare i sessi – dice – Preferisco un look ‘maschile’ sopra la vita e uno non di genere sotto la vita».

Mark ama talmente tanto le gonne da sostenere che non dovrebbero essere un capo esclusivamente femminile. E piano piano è diventato un influencer, anche se a lui non piace vedersi come tale. «Ho preso appuntamento per un intervento dall’oculista, e la

segretaria mi ha detto che era felice di conoscermi finalmente – ha scritto sul suo profilo qualche giorno fa – ha detto di essere una mia fan e sapeva che ero venuto spesso in clinica nel passato ma non era mai riuscita a incontrarmi». Anche sua moglie lo

incoraggia negli abiti da indossare.

Al lavoro va in gonna e tacchi a spillo. Ma Mark Bryan, ingegnere di 62 anni che vive a Berlino, ripete di essere assolutamente etero, sposato con tre figli e addirittura nonno. «I vestiti non hanno sesso», dice spesso e volentieri: e lui ne è la dimostrazione più

eclatante. Su Instagram è diventato un personaggio da 595mila follower: da 5 anni camicia, cravatta e tubino sono la sua divisa per andare al lavoro ma anche a un appuntamento dal dentista. «Preferisco le gonne ai vestiti. I vestiti non mi permettono di

mescolare i sessi – dice – Preferisco un look ‘maschile’ sopra la vita e uno non di genere sotto la vita».

Mark ama talmente tanto le gonne da sostenere che non dovrebbero essere un capo esclusivamente femminile. E piano piano è diventato un influencer, anche se a lui non piace vedersi come tale. «Ho preso appuntamento per un intervento dall’oculista, e la

segretaria mi ha detto che era felice di conoscermi finalmente – ha scritto sul suo profilo qualche giorno fa – ha detto di essere una mia fan e sapeva che ero venuto spesso in clinica nel passato ma non era mai riuscita a incontrarmi». Anche sua moglie lo

incoraggia negli abiti da indossare.

L’ingegnere che va al lavoro in minigonna e tacchi a spillo: «Sono etero, abiti non hanno sesso»
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST