Gossip

La Rappresentante di Lista contro Salvini: ” Sei un becero abusatore di hit, non usare la mia Ciao Ciao nei tuoi comizi”

La Rappresentante di Lista contro Salvini: ” Sei un becero abusatore di hit, non usare la mia Ciao Ciao nei tuoi comizi”

La Rappresentante di Lista contro Salvini, lui replica: “Mi avete maledetto”

La Rappresentante di Lista contro Matteo Salvini

Fedez, Elodie, Giorgia, Mahmood, sono in molti i cantanti non esattamente fan di Matteo Salvini e Giorgia Meloni e a loro adesso si aggiungono anche La Rappresentante di Lista. Ieri il duo ha (ironicamente) maledetto il leader della Lega (Nord) perché la loro hit Ciao Ciao è stata suonata ad un suo comizio.

“Ci arriva voce che al comizio di S4lvini il dj abbia messo Ciao Ciao. La nostra maledizione sta per abbattersi su di te, becero abusatore di hit”.

La Rappresentante di Lista: arriva la risposta di Matteo Salvini.

La critica di un personaggio nota? Per i leader di destra certe occasioni sono decisamente invitanti e ogni volta prendono la palla al balzo per fare le vittime. Il noto food blogger e dj del Papete ha subito risposto ai La Rappresentante di Lista: “Cara Rappresentante, onestamente non ci ho fatto caso visto che ero in mezzo a tantissima bella gente. Sperando che la maledizione non abbia effetti, confesso (mea culpa) che la tua Ciao Ciao mi piace parecchio“.

Suggerisco ai La Rappresentante di Lista di chiamare anche Elodie ed assicurarsi che la maledizione faccia effetto (magari il 25 settembre)…

Che poi a Matteo piacerà Ciao Ciao, ma non la coreografia del pezzo, visto che lo scorso febbraio ha scritto: “Festival di Sanremo? Fra polemiche, spot alle droghe, saluti comunisti e “battesimi” senza vestiti, l’unica certezza è lui: unico, semplice, inimitabile Fiorello“.

Pensiero condiviso da Pierpaolo Cicciarella, referente di CasaPound Siracusa: “Scandaloso: ieri sera durante il Festival, LRDL si è esibita col pugno chiuso, celebrando un’ideologia che ha causato 100 milioni di vittime in tutto il mondo. Il comunismo“.

In coppia con Dario Mangiaracina, ha fondato La Rappresentante di Lista, quando era poco più che un bel sogno. Ecco chi è Veronica Lucchesi.

Veronica Lucchesi è la cantante de La Rappresentante di Lista, anima del gruppo, fondato insieme a Dario Mangiaracina. Penna raffinata e accattivante voce, vanta nella propria carriera di artista moltissime esperienze nel campo della musica e non solo. Difatti, ha pure tentato, con buoni riscontri, la strada teatrale e pure quella letteraria. Scendiamo nello specifico su chi è e passiamo in rassegna la sua vita privata.

Veronica Lucchesi: biografia e carriera

Nasce a Pisa il 17 ottobre 1987, sotto il segno zodiacale della Bilancia. Cresciuta a Viareggio con la famiglia, decide di emigrare in Sicilia, dove ben presto conosce Dario Mangiaracina in un paesino vicino Palermo, nel corso delle prove di uno spettacolo teatrale. Con lui costituisce la band che le dona celebrità,

I pezzi incisi – una commistione di pop, rock e folk – si evolvono in continuazione, reminiscenza delle origini teatrali. Dalle particolari sonorità vede la luce l’album (per la) Via di casa nel 2014, un’opera folk dalle influenze balcaniche, con due tracce in tedesco. Il loro secondo disco, Bu Bu Sad, esce nel 2015, per poi essere seguito nel 2018 con Go Go Diva, un cd caratterizzato da alcune forti prese di posizione e un invito ai fan a spogliarsi di ogni comfort. La canzone Questo corpo viene scelta per la colonna sonora The New Pope di Paolo Sorrentino.

La popolarità definitiva arriva grazie al Festival di Sanremo, nel cast dei Big con i brani Amare nel 2021 e Ciao ciao nel 2022. Intanto, Veronica e Dario compiono il debutto nelle librerie con Maimamma, un volume in cui raccontano piccole grandi inquietudini esistenziali.

Veronica Lucchesi: la vita privata

Risiede a Palermo, ma non è dato sapere se abbia in corso una frequentazione sentimentale o meno. Sorella di Erika, altro componente della band (aggiuntasi nel 2017), si tiene in contatto coi fan attraverso Instagram. Non è noto il patrimonio.

5 curiosità su Veronica Lucchesi

– Aveva scelto di trasferirsi a Palermo per seguire un corso di teatro dell’attrice Emma Dante. Allora non sapeva cosa la attendeva!

– È apparsa nella serie Il cacciatore per la regia di Davide Marengo, con protagonista Francesco Montanari. Interpreta Maria, un’artista punk nella Palermo di metà anni Novanta.

– Delle canzoni del gruppo è molto affezionata a Questo corpo Guardate tutti. La seconda contiene delle parole per lei parecchio importanti, in quanto gliele diceva la nonna, parlando di un periodo decisamente duro della sua vita.

– Tra i colleghi, ha un debole per David Byrne, “padre” dei Talking Heads, Billie Eilish e St. Vincent, una musicista americana: con loro collaborerebbe subito.

– Sanremo è stato anche sentire la madre emozionata al telefono, fino alle lacrime.

Scopriamo una serie di curiosità interessanti su Matteo Salvini e sulla sua inedita vita privata: dai banchi di scuola, al successo in politica (e non solo)!

Nato il 9 marzo 1973 (Pesci), Matteo Salvini è un politico e deputato italiano. Dal 2013 ricopre il ruolo di segretario federale della Lega e il 1 giugno 2018 diventa Vicepresidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana e ministro degli Interni del Governo Conte, fino alla caduta del Governo nell’estate 2019.

sempre nell’occhio del ciclone per la sua vita privata e per le sue controverse affermazioni (sul suo profilo Facebook, dov’è attivissimo, e non solo). Abbiamo scovato una serie di curiosità: scopriamole insieme!

Chi è Matteo Salvini?

È nato a Milano da una famiglia semplice: padre dirigente e madre casalinga. Nella capitale meneghina ha studiato presso il Liceo Classico e poi ha proseguito gli studi presso la facoltà di Storia. È fatto risaputo (e talvolta criticato) che non abbia mai conseguito la laurea, fermandosi a cinque esami dalla fine, dopo circa 16 anni.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

D’altro canto, forse, lui ha sempre saputo che sarebbe arrivato lontano anche senza una laurea. È celebre il suo commento a proposito: “Arriverà prima la Padania libera della mia laurea”, disse.

Giovanissimo, si appassiona alla politica e dai primi anni ’90 diventa militante della Lega Nord; a soli 20 anni, diventa consigliere comunale di Milano.

Salvini, il malore a Trieste

Il 16 ottobre 2019, mentre si trovava a Trieste, è stato colto da malore. Nulla di grave per Salvini, che però è stato tre ore in ospedale prima di essere dimesso.

La causa? “Il senatore Matteo Salvini ha avuto una colica mentre si recava al funerale dei poliziotti a Trieste. Dopo esami, antidolorifici e controlli è stato dimesso e le sue condizioni non destano preoccupazioni. Salvini è enormemente dispiaciuto per non aver potuto partecipare alla cerimonia per Pierluigi e Matteo, e conferma gli appuntamenti di oggi e domani in Umbria”. Questa la nota diffusa dalla Lega.

Fonte Biccy.it

Condividi
  • TAG :

Giuseppe Cossentino

Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
#divietodibalneazione
Divieto di balneazione: «Inquinamento oltre la norma»
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne
#fareham
Aggredito da un cane in un parco pubblico: morto 34enne