Esteri

La collega pubblica un suo video privato su Tik Tok, lei si uccide per la vergogna

di  Redazione  -  22 Maggio 2020

Un suo video privato viene pubblicato su Tik Tok e si toglie la vita. Thivya Nayagi, 20 anni, è stata trovata impiccata al ventilatore del soffitto nella casa in cui viveva a Penang.

La giovane si è tolta la vita a causa delle vergogna dopo aver visto pubblicato, senza il suo consenso, un video privato sul social Tik Tok.

A trovarla in quelle condizioni, come riporta la stampa locale, è stato il fratello. Il ragazzo si è insospettito dopo che per diverse volte la sorella non ha risposto al telefono.

Trovandola impiccata ha subito chiamato i soccorsi, ma nonostante la folle corsa in ospedale per la 20enne non c’è stato nulla da fare. La ragazza è stata vittima di cyberbullismo.

Da un account fake la collega ha pubblicato un video di Thivya con una serie di didascalie offensive.

«Ho perso mia sorella perché qualcuno voleva essere popolare sui social media» ha detto il fratello di Thivya, aggiungendo che avevano appena perso la madre l’anno scorso.

La ragazza prima di togliersi la vita ha lasciato un biglietto ai suoi cari in cui chiedeva scusa per averli gettati nella vergogna dopo che quel video rovinava la reputazione del suo cognome.