Iva Zanicchi no limits: “Rispetto a Mina e Milva sono più completa”

sei in  Gossip

3 settimane fa - 8 Novembre 2021

Iva Zanicchi: «Mina la più brava, ma non ha le basse. Milva non aveva le alte: io le ho tutte»

C’è chi si narra in un documentario come Caterina Caselli, chi viene raccontato in docufilm come Paolo Conte. In tanti scrivono, ma Iva Zanicchi di libri ne ha già pubblicati due. È arrivato così il momento della glorificazione via tv, anzi Canale5 dove (come nelle altre reti Mediaset) è di casa: due puntate per la vulcanica entertainer, in prima serata il 4 e l’11 con D’Iva, un pot-pourri con chiacchiere, interviste e ricordi in comune con una vasta platea di colleghi famosi fra i quali, per capirci, Orietta Berti a cui racconta una barzelletta osée, Andrea Pucci con cui rievoca i fastidi Ok il Prezzo è giustoSilvia Toffanin che finalmente risponde invece di domandare.

Un one-woman-show in affollatissima compagnia, dove a farla da padrona sarà soprattutto la musica, il primo eterno amore al quale è stata spesso sottratta sia dalla verve che dalle parentesi politiche in Parlamento o a Strasburgo, nelle file di Forza Italia. Iva Zanicchi ha 81 incredibili anni, ne festeggia 60 di camera e a breve uscirà un suo nuovo album. Porta tacchi alti senza calze, ed è un torrente di racconti e parolaccine.

Cara Iva, alcune sue espressioni forti pare siano state tagliate.


«Ma io parlo così. A me la Maionchi mi fa un baffo».

Ma come mai questo omaggio di Canale5? Viene in mente la lezione della Rai, che non ha mai celebrato come si deve Raffaella Carrà.


«Grazie Mediaset, grazie Piersilvio, fate bene a festeggiarmi, meglio prima che dopo. Alla fine è una cosa fra amici, con Cenci che è un grande regista, ma anche musicista e la gioia di poter cantare con una grande

orchestra. Io ho bisogno di essere amata, chiedo a tutti: “Mi vuoi bene?”. Ma in D’Iva ci sono anche duetti virtuali: con Milva, con Raffaella Carrà, con Aznavour. Nella prima puntata Orietta e io

cantiamo Romagna mia e L’uva focarina, Gigi D’Alessio si è sacrificato in tonalità da donna per farmi cantare in napoletano. E poi c’è Il mio bambino, una rarità che mi scrissero Mogol e Battisti».

Lei ricorda tutto quello che le è successo in giro per il mondo. Racconterà di un momento imbarazzante in Giappone.


«Questo è nella seconda puntata, dove parlo dei tour. Dovevo fare per contratto visita a un tempio sul vulcano Fujiyama, da giorni non andavo in bagno e stavo male. Gli organizzatori costruiscono dei meeting

intorno al mio problema, cercano rimedi, ma niente. Ogni tanto qualcuno si affaccia alla mia camera e mi chiede notizie. In breve, mi trascino fino al tempio, dove vedo un corridoio pieno di gabinetti. Mi infilo e

poi esco sorridendo. Mi fanno passare fra due file di persone cui viene annunciata l’avvenuta liberazione con compiacimento generale. Ma guardi che nell’ultima puntata ci sono pure Rita Pavone, Romina Power,

Fausto Leali, Malgioglio che è mio figlio e mio fratello, insieme cantiamo Moliendo Café».

Fu un successo di Mina.
«È la più brava di tutte perché è musicale, ma non ha le basse. Milva non aveva le alte. Poi c’è Iva che ha le basse le medie e le alte».

Il Covid le ha danneggiato la voce? Ma, mentre ci siamo, parliamo anche dei no vax.
«Non credo, in questi mesi mi sono comunque fatta aiutare da un coach. Non parliamo di Covid, è stato un anno e mezzo orribile, mio fratello è morto nel mio stesso ospedale, non l’ho più visto. Se sento dire che

non esiste il Covid mi arrabbio, fossi al governo metterei il vaccino obbligatorio come quando ero piccola».

C’è chi si narra in un documentario come Caterina Caselli, chi viene raccontato in docufilm come Paolo Conte. In tanti scrivono, ma Iva Zanicchi di libri ne ha già pubblicati due. È arrivato così il momento della glorificazione via tv, anzi Canale5 dove (come nelle altre reti Mediaset) è di casa: due puntate per la vulcanica entertainer, in prima serata il 4 e l’11 con D’Iva, un pot-pourri con chiacchiere, interviste e ricordi in comune con una vasta platea di colleghi famosi fra i quali, per capirci, Orietta Berti a cui racconta una barzelletta osée, Andrea Pucci con cui rievoca i fastidi Ok il Prezzo è giustoSilvia Toffanin che finalmente risponde invece di domandare.

Un one-woman-show in affollatissima compagnia, dove a farla da padrona sarà soprattutto la musica, il primo eterno amore al quale è stata spesso sottratta sia dalla verve che dalle parentesi politiche in Parlamento o a Strasburgo, nelle file di Forza Italia. Iva Zanicchi ha 81 incredibili anni, ne festeggia 60 di camera e a breve uscirà un suo nuovo album. Porta tacchi alti senza calze, ed è un torrente di racconti e parolaccine.

Cara Iva, alcune sue espressioni forti pare siano state tagliate.


«Ma io parlo così. A me la Maionchi mi fa un baffo».

Ma come mai questo omaggio di Canale5? Viene in mente la lezione della Rai, che non ha mai celebrato come si deve Raffaella Carrà.


«Grazie Mediaset, grazie Piersilvio, fate bene a festeggiarmi, meglio prima che dopo. Alla fine è una cosa fra amici, con Cenci che è un grande regista, ma anche musicista e la gioia di poter cantare con una grande

orchestra. Io ho bisogno di essere amata, chiedo a tutti: “Mi vuoi bene?”. Ma in D’Iva ci sono anche duetti virtuali: con Milva, con Raffaella Carrà, con Aznavour. Nella prima puntata Orietta e io

cantiamo Romagna mia e L’uva focarina, Gigi D’Alessio si è sacrificato in tonalità da donna per farmi cantare in napoletano. E poi c’è Il mio bambino, una rarità che mi scrissero Mogol e Battisti».

Lei ricorda tutto quello che le è successo in giro per il mondo. Racconterà di un momento imbarazzante in Giappone.


«Questo è nella seconda puntata, dove parlo dei tour. Dovevo fare per contratto visita a un tempio sul vulcano Fujiyama, da giorni non andavo in bagno e stavo male. Gli organizzatori costruiscono dei meeting

intorno al mio problema, cercano rimedi, ma niente. Ogni tanto qualcuno si affaccia alla mia camera e mi chiede notizie. In breve, mi trascino fino al tempio, dove vedo un corridoio pieno di gabinetti. Mi infilo e

poi esco sorridendo. Mi fanno passare fra due file di persone cui viene annunciata l’avvenuta liberazione con compiacimento generale. Ma guardi che nell’ultima puntata ci sono pure Rita Pavone, Romina Power,

Fausto Leali, Malgioglio che è mio figlio e mio fratello, insieme cantiamo Moliendo Café».

Fu un successo di Mina.
«È la più brava di tutte perché è musicale, ma non ha le basse. Milva non aveva le alte. Poi c’è Iva che ha le basse le medie e le alte».

Il Covid le ha danneggiato la voce? Ma, mentre ci siamo, parliamo anche dei no vax.
«Non credo, in questi mesi mi sono comunque fatta aiutare da un coach. Non parliamo di Covid, è stato un anno e mezzo orribile, mio fratello è morto nel mio stesso ospedale, non l’ho più visto. Se sento dire che

non esiste il Covid mi arrabbio, fossi al governo metterei il vaccino obbligatorio come quando ero piccola».

Iva Zanicchi no limits: “Rispetto a Mina e Milva sono più completa”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST