Guia Jelo: ” Vivo un momento d’oro tra set, teatro e l'”amore” per Haber”

La vulcanica attrice italiana colonna del teatro italiano e non solo vive un momento magico professionale
sei in  Cinema e TV

1 settimana fa - 26 Novembre 2021

È un momento d’oro per  Guia Jelo ,  mpegnata, in questi mesi, su diversi set, ma la poliedrica e straordinaria attrice sivilisna  non dimentica il suo amore per il teatro, dato che è anche direttrice artistica per Videobank  del  teatro Nino Martoglio a Benfasso (CT) .

Guia, il prossimo 30 dicembre uscirà il film  La Befana Vien di Notte 2 – Le Origini. Qual è il suo ruolo? Chi sono gli altri attori che fanno parte del cast?

“La Befana Vien Di Notte 2 – Le Origini è un film pieno di fantasia, di forza espressiva, interpretativa. Tutto quello che io ho studiato con Strehler, il mio passato, tutto il mio percorso di ragazzina. Sembro una bambina matta in questo ruolo, Donna Isa. Sono molto

attaccata all’estro di Paola Randi, che è la regista, che è molto nella mia traiettoria, nelle mie corde, e soprattutto, anche in tandem, con Nicola Guaglianone che è l’autore, colui che mi ha voluto. Però io so che è stata una richiesta da parte del mio <<maritino>>, dove

abbiamo un rapporto tutto di liti, buffo e strano. E’ una coppia molto comica, sulle righe, che definirei iperbolica. Marito interpretato da Alessandro Haber, mio fraterno amico. Persona e artista amato dalla mia famiglia e da me, come se lui lo sapesse anche se non

glielo ho mai detto. Lui mi ha suggerito alla Lucky Red. Tra gli interpreti, quello che più conta è che Monica Bellucci è una particolarissima  befana , tutta nostra e italiana , vestita da una costumista strepitosa, che è Mary Montalto. La nomino perché quando mi ha

vista arrivare alla prova costumi le è preso un colpo, perché si aspettava, e così era scritto nel personaggio, un donnone, un femminone, giunonico, matrona romana, e invece è arrivata questa mosca, una donnina . E’ un ruolo comico, chiaramente, a cui sono molto

affezionata. Anche perché mi ha fatto scoprire, già sapevo di essere amata, da Haber”.

So che era la prima volta che lavorava con Fabio De Luigi. Come si è trovata con lui?

“Fabio De Luigi è una persona leggera come le nuvole, delicata, tiepida, come quel sole di maggio sul mare di Acitrezza. Mi commuovo. E’ così che lo dipingo. Nello stesso tempo è una forza, un impeto. E’ un uomo molto sensuale, molto forte, molto giusto, molto

saggio. Io ho fatto tante mamme di tanti attori, più o meno importanti. Tutti i miei figli d’arte li ho amati tanto, come la Arcuri, di cui sono stata madre tre volte. Comunque sia, questa maternità con Fabio De Luigi mi è venuta nuova perché mi sono sentita di avere un

figlio, perché lui mi ha fatto sentire così veramente, e di averlo avuto da ragazzina. Non mi ha mai fatto sentire vecchia sul set. E’ stato sempre molto galante. Sia sul piano umano, diciamo spirituale del sentimento, e quando dico sentimento non intendo i luoghi

comuni dell’attrazione del sesso, assolutamente no. Per sentimento io intendo che investe il volersi bene con l’anima. Lui mi ha dato il rispetto della mia anzianità facendomi sentire però una sua coetanea. Mi ha dato il rispetto di chi ha un curriculum e una vita

immensa artistica, ma nello stesso tempo, a livello suo, che è noto ed io non tanto. Non lo diventerò con questo film? E non importa, ho comunque fatto un bellissimo film . La voglia di successo e di sfondare c’è, di diventare per un attimo famosi anche alla mia età, lo

ammetto, ma quello che apre la chiave e la porta del mio lavoro è che io voglio che i miei figli siano fieri di me. Voglio che pensino: ‘ La nostra mammina, quando eravamo piccoli, era sempre in giro per i teatri però adesso guarda che è diventata’. Questo conta”.

E’ anche protagonista di “Lupo bianco”, che è inserito nel ciclo legalità e temi sociali e umanitari per il MIU. Non a caso parla della vita del filantropo cavaliere al merito della Repubblica Carlo Olmo. Ci può parlare meglio di questo progetto?
“Non esattamente , il protagonista è’ Sebastiano Somma (al fianco di Morgana Forcella che interpreta il ruolo del cavaliere Carlo Olmo ) . Io interpreto un bellissimo cameo in un suo sogno , un’arcana realtà cinese . Quello che mi piace di questo personaggio è che lui ci ha voluto raccontare questa storia, perché è vita e non un romanzetto, con un film forte che ci motiva. Ma ci tiene a precisare, con una mitezza e una modestia, che non è un eroe. Lui dice che è un uomo normale. Tutti gli uomini dovrebbero fare quello che ha fatto lui. Anche lui mi apprezza perche’ anche Io sono Cavaliere per motivi artistici , perché ho fatto un po’ di volontariato, che preferisco solo accennare, ma anche io penso che sia normale potendolo fare. Non biasimo chi non fa niente; a volte si sta male e non si può. Però lui dice di essere un uomo normale”.
A quali altri lavori si sta dedicando in questo periodo?
“Sto finendo di girare, con moltissima felicità, Le Più Belle Frasi di Osho con lo Neri Marcorè per il quale , per i sentimenti che provo per lui e la grande ammirazione umana , tralascio quella artistica ma non la sottovaluto , mi ci vorrò dedicare , in un ‘intero articolo parlando solo di lui . Scandagliando la sua personalità con il suo ingresso nel mio cuore , lo adoro dalla testa ai piedi . E  la regia è’ di Laura Moscardin. Verrà distribuito da RaiPlay. Per passare poi a The Bad Guy con la regia di Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi. E’ pazzesco, meraviglioso. Io sono un magistrato particolare. Non posso svelare che cosa accade a questo magistrato. Non posso dire nemmeno se appartiene ai buoni o ai cattivi. Posso dire che la genialità di Fontana e Stasi mi ha molto colpito e mi valorizza giorno dopo giorno e la ritengo il bastone della mia vecchiaia . Sono stanca, perché mi sono divisa tra due set, ma ognuno di loro mi dà degli amori diversi. Qui sono con Luigi Lo Cascio. Non posso dire altro se non ‘W lo spessore e la grandezza di noi attori siciliani’. Io lo paragono a De Niro. Con questo gli do tanto ed è nostro”.
A settembre , è stata anche al Festival del Cinema di Venezia. Immagino sia stata una grande emozione…
“Lupo Bianco per me sarà indimenticabile a parimerito, perché io non levo niente a Venezia rispetto a Cannes, al 1994, quando mano con la mano con Aurelio Grimaldi, un abito bianco quasi senza trucco semplicissima, io sono andata nei tappeti rossi di Cannes ,

candidata alla Palma d’Oro assieme a Virna Lisa e Uma Thurman, l’attrice di Pulp Fiction. Poi ha vinto Virna Lisi, quindi mi inchino e mi levo tanto di cappello su questo. Parlare di questo film significa per me, arrivata a 70 anni, l’essere andata a Venezia. Grazie,

assolutamente lo devo dire, anche all’introduzione di questo premio, che ha vinto il Film, Carlo Olmo e tutti noi. Ringrazio tantissimo Francesca Rettondini, assieme al suo ufficio stampa, nonché mio grande ammiratore, Giuseppe Zaccaria . E non posso non

ringraziare Antonio Chiaramonte , eroico produttore del film . Voglio ringraziare il regista Tony Gangitano che mi ha voluto.

Un’altra delle sue grandi passioni è il teatro. Ci sono progetti legati ad esso?

“Stiamo cercando di riprendere il lavoro su Nino Martoglio, <<Stonchiti>>. E’ molto bello, con la regia di Turi Giordano. Sono co-protagonista insieme a Fabio Costanzo e poi ci sono i musicisti Flaminia Chiechio, Davide Sciacca, Anselmo Petrosino. Ci tengo

moltissimo. I costumi sono di Rosy Bellomia. Ma c’è tutto. Stiamo cercando di riprenderlo, ma sono divisa su vari set e attualmente sta mancando per via dei miei enormi impegni. E poi, io non sono più tornata al Teatro Stabile di Catania. In tanti anni della mia

carriera, mi sento una colonna di quel teatro, insieme a tanti veterani. Non ho mai detto: ‘Non sono al Teatro Stabile di Catania’. Mi pare una cosa assurda. E’ come se io dovessi dire: ‘Non ho più casa’. Io ho il mio teatro, che è il Nino Martoglio, ma che il Teatro

Stabile di Catania ci abbia esclusi a noi anziani è una cosa dolorosissima. Però io non gliene voglio. Non mi sento rottamata, ecco. Rispetto le scelte artistiche. Si è voluto dare, forse, una sferzata per fare gli originali, i diversi, ma non so fino a che punto questo giova.

Quello sì. Non mi sono offesa, no, ma addolorata, dispiaciuta. E lo dico senza falsa modestia. Non è positivo per il teatro perdere chi fa le code al botteghino, chi attira la benevolenza di quello che noi veterani sappiamo dare e sappiamo ricevere: amore. Ce l’hanno

tolto. E’ positivo? Quando c’è qualcosa che distrugge l’amore, di qualunque specie di amore si parla, non è mai positivo. Questo mi addolora, ma tornerò. E’ una sfida, ma spero presto. A 80 anni dove sono questi ruoli? Già non ce ne sono più”.
E’ anche direttore del teatro Nino Martoglio di Belpasso Catania. Sicuramente un ostacolo da superare è stata la pandemia. Come vi siete organizzati per la ripresa?
“Voglio riaprire il teatro Nino Martoglio. Con la Videobank, io sono direttore artistico, abbiamo intenzione di fare qualcosa, se le istituzioni ci aiutano, per valorizzare il territorio, con progetti dove la mia forza che si è sempre sposata con la fragilità , si affiancherà e

perché no , con attori etnei di una bravura e una presa sul pubblico , indiscutibile . Q  uesta è il mio primo scopo come direttore artistico. Perché nel territorio noi abbiamo delle risorse che sono nazionali, perché la Sicilia è nazione. Quindi smettiamola di dire: l’attore

locale, l’attrice locale, l’autore locale. Ma scherziamo? La Sicilia è Italia. Però il territorio e noi abbiamo il diretto di essere valorizzati anche a km zero. Quindi, faremo anche questo. La crisi del Covid, ovviamente, ci ha fatto male perché non abbiamo avuto nessun sostegno dallo Stato, che ha pensato a sostenere gli Enti Pubblici, quello di loro appartenenza. Con questo, non biasimo lo Stato. E’ una regola. Però ci rimboccheremo le maniche per cercare di fare vibrare ancora questo mio sipario”.

A breve esordirà dietro la macchina da presa per girare un mediometraggio. Di che cosa si tratta? Come mai ha deciso di dedicarsi alla regia?
“Come dicevo prima, Lupo Bianco è il top di questo momento, perché mi lega ad Antonio Chiaramonte, Cinemaset, con cui io diciamo sono in procinto, assolutamente in predicato, sono nella speranza direi concreta di fare un film, un mediometraggio per Miur, con la

mia regia, con un mio soggetto; io come autrice, poi la sceneggiatura contiamo di affidarla ad Aurelio Grimaldi se tutto va bene. Soprattutto se ha tempo perché è super impegnato: è un regista importante e soprattutto uno sceneggiatore di grandissimo spessore. E’ un

mediometraggio, il cui titolo non lo dico perché è molto forte, perché serve per raccontare alla società e al mondo e all’opinione pubblica , la tragedia del bullismo . Quanto bisogno c’è di dare una sferzata, di aiutare per poter debellare il fenomeno del bullismo. E’ anche un inno all’animalismo, vi si intreccia infatti  una storia impregnata del mio grandissimo amore equino , anche un modo, come curare l’anima delle persone che l’hanno macchiata, hanno delle ombre, sono andate al buio con la propria anima facendo il bullo. Ecco, attraverso la cura di un animale, di un cavallo, questo solo posso accennare. Ci saranno dei momenti molto struggenti. Posso anche aggiungere che è dedicato a Giovanni Pascoli. Ha a che fare, diciamo, con La Cavallina Storna, che racconta la madre che glielo chiede chi è stato ad uccidere il proprio figlio. C’è tutto per la scuola: parlo della famiglia, della società, delle forze dell’ordine. Tutti devono contribuire il modo a debellare questa cosa che, ahimè, porta sovente ai suicidi”.

Guia Jelo: ” Vivo un momento d’oro tra set, teatro e l'”amore” per Haber”
TEMI DI QUESTO POST