Di Maio: ” Non sono gay”: Lilli Gruber perchè è un discredito essere gay? E’ rissa tv

sei in  Gossip

1 mese fa - 27 Ottobre 2021

Otto e mezzo, Lilli Gruber provoca Di Maio: “Ha detto che non è gay, excusatio non petita?”. E il grillino si infuria

Il momento più caldo del confronto tra Lilli Gruber e Luigi Di Maio a Otto e mezzo arriva nel finale. La giornalista di La7, citando l’autobiografia del ministro degli Esteri Un amore chiamato politica, sottolinea polemicamente: “Lei scrive che per screditarla l’hanno definita anche omosessuale, e che lei non è omosessuale. Ma nel 2021 lei crede che sia un discredito essere gayExcusatio non petita?”.

Di Maio sgrana gli occhi, resta attonito per qualche secondo, senza parole. Poi scuote il capo e risponde trattenendo a stento la delusione: “Ovviamente prendo la domanda come provocatoria per risponderle. Io nel libro ho detto che non mi sono offeso ma semplicemente che era una notizia non vera e che io sono eterosessuale”. “Ma dice che hanno usato questa cosa per attaccarla”, lo rintuzza la Gruber.

“Certo, nella campagna elettorale 2018, diversi personaggi della politica e del giornalismo. Ce lo ricordiamo tutti quel passaggio, fu usato con discredito anche se secondo me non era una offesa. L’ho scritto per raccontare fin dove si spinge la politica nell’utilizzare temi che hanno una sua dignità per offendere un proprio oppositore”. “Ma lei viene a dircelo a noi?”, si inalbera la Gruber. ”

Ma perché non è stato usato con discredito quel termine?”, ribatte il grillino. La Gruber si trova quasi impreparata e balbetta: “Credo che nel 2021 non si possa screditare una persona dicendo che è gay, siamo fuori dal mondo”. “Sono d’accordo con lei”. Tarallucci e vino (avvelenato).

Otto e mezzo, Lilli Gruber provoca Di Maio: “Ha detto che non è gay, excusatio non petita?”. E il grillino si infuria

Il momento più caldo del confronto tra Lilli Gruber e Luigi Di Maio a Otto e mezzo arriva nel finale. La giornalista di La7, citando l’autobiografia del ministro degli Esteri Un amore chiamato politica, sottolinea polemicamente: “Lei scrive che per screditarla l’hanno definita anche omosessuale, e che lei non è omosessuale. Ma nel 2021 lei crede che sia un discredito essere gayExcusatio non petita?”.

Di Maio sgrana gli occhi, resta attonito per qualche secondo, senza parole. Poi scuote il capo e risponde trattenendo a stento la delusione: “Ovviamente prendo la domanda come provocatoria per risponderle. Io nel libro ho detto che non mi sono offeso ma semplicemente che era una notizia non vera e che io sono eterosessuale”. “Ma dice che hanno usato questa cosa per attaccarla”, lo rintuzza la Gruber.

 

“Certo, nella campagna elettorale 2018, diversi personaggi della politica e del giornalismo. Ce lo ricordiamo tutti quel passaggio, fu usato con discredito anche se secondo me non era una offesa. L’ho scritto per raccontare fin dove si spinge la politica nell’utilizzare temi che hanno una sua dignità per offendere un proprio oppositore”. “Ma lei viene a dircelo a noi?”, si inalbera la Gruber. ”

Ma perché non è stato usato con discredito quel termine?”, ribatte il grillino. La Gruber si trova quasi impreparata e balbetta: “Credo che nel 2021 non si possa screditare una persona dicendo che è gay, siamo fuori dal mondo”. “Sono d’accordo con lei”. Tarallucci e vino (avvelenato).

Otto e mezzo, Lilli Gruber provoca Di Maio: “Ha detto che non è gay, excusatio non petita?”. E il grillino si infuria

Il momento più caldo del confronto tra Lilli Gruber e Luigi Di Maio a Otto e mezzo arriva nel finale. La giornalista di La7, citando l’autobiografia del ministro degli Esteri Un amore chiamato politica, sottolinea polemicamente: “Lei scrive che per screditarla l’hanno definita anche omosessuale, e che lei non è omosessuale. Ma nel 2021 lei crede che sia un discredito essere gayExcusatio non petita?”.

Di Maio sgrana gli occhi, resta attonito per qualche secondo, senza parole. Poi scuote il capo e risponde trattenendo a stento la delusione: “Ovviamente prendo la domanda come provocatoria per risponderle. Io nel libro ho detto che non mi sono offeso ma semplicemente che era una notizia non vera e che io sono eterosessuale”. “Ma dice che hanno usato questa cosa per attaccarla”, lo rintuzza la Gruber.

 

“Certo, nella campagna elettorale 2018, diversi personaggi della politica e del giornalismo. Ce lo ricordiamo tutti quel passaggio, fu usato con discredito anche se secondo me non era una offesa. L’ho scritto per raccontare fin dove si spinge la politica nell’utilizzare temi che hanno una sua dignità per offendere un proprio oppositore”. “Ma lei viene a dircelo a noi?”, si inalbera la Gruber. ”

Ma perché non è stato usato con discredito quel termine?”, ribatte il grillino. La Gruber si trova quasi impreparata e balbetta: “Credo che nel 2021 non si possa screditare una persona dicendo che è gay, siamo fuori dal mondo”. “Sono d’accordo con lei”. Tarallucci e vino (avvelenato).

Otto e mezzo, Lilli Gruber provoca Di Maio: “Ha detto che non è gay, excusatio non petita?”. E il grillino si infuria

Il momento più caldo del confronto tra Lilli Gruber e Luigi Di Maio a Otto e mezzo arriva nel finale. La giornalista di La7, citando l’autobiografia del ministro degli Esteri Un amore chiamato politica, sottolinea polemicamente: “Lei scrive che per screditarla l’hanno definita anche omosessuale, e che lei non è omosessuale. Ma nel 2021 lei crede che sia un discredito essere gayExcusatio non petita?”.

Di Maio sgrana gli occhi, resta attonito per qualche secondo, senza parole. Poi scuote il capo e risponde trattenendo a stento la delusione: “Ovviamente prendo la domanda come provocatoria per risponderle. Io nel libro ho detto che non mi sono offeso ma semplicemente che era una notizia non vera e che io sono eterosessuale”. “Ma dice che hanno usato questa cosa per attaccarla”, lo rintuzza la Gruber.

“Certo, nella campagna elettorale 2018, diversi personaggi della politica e del giornalismo. Ce lo ricordiamo tutti quel passaggio, fu usato con discredito anche se secondo me non era una offesa. L’ho scritto per raccontare fin dove si spinge la politica nell’utilizzare temi che hanno una sua dignità per offendere un proprio oppositore”. “Ma lei viene a dircelo a noi?”, si inalbera la Gruber. ”

Ma perché non è stato usato con discredito quel termine?”, ribatte il grillino. La Gruber si trova quasi impreparata e balbetta: “Credo che nel 2021 non si possa screditare una persona dicendo che è gay, siamo fuori dal mondo”. “Sono d’accordo con lei”. Tarallucci e vino (avvelenato).

Di Maio: ” Non sono gay”: Lilli Gruber perchè è un discredito essere gay? E’ rissa tv
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Gossip Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST