Cronaca

Condannato a tre anni di reclusione il medico che sottostimò l’otite di Francesco morto a 7 anni

Condannato a tre anni di reclusione il medico che sottostimò l’otite di Francesco morto a 7 anni

Tre anni di reclusione è la pena inflitta dal tribunale di Ancona al medico omeopata Massimiliano Mecozzi,di 60 anni,a seguito della morte del piccolo Francesco Bonifazi, il bambino di 7 anni di Cagli (Pesaro Urbino) morto per le conseguenze di un’otite all’ospedale Salesi di Ancona il 27 maggio del 2017. La procura aveva chiesto per Mecozzi una condanna a 4 anni.

Il medico era accusato di omicidio colposo. La sentenza a carico del dottore ha posto la parola fine a una vicenda che ha visto alla sbarra (condannati a tre mesi, con rito abbreviato) anche i genitori del bimbo, Maristella Olivieri di 38 anni e Marco Bonifazi di 50.

Il dottor Mecozzi era il medico di fiducia e di riferimento della famiglia Bonifazi già da diversi anni e – secondo l’accusa – consigliò ai genitori di non portare il piccolo in ospedale perché febbre alta e vomito erano tutti “sintomi normali” che avevano sviluppato anche altri pazienti. Stando a quanto emerso Mecozzi, che nel frattempo ha ripreso ad esercitare la professione medica, interpellato più volte dai genitori del piccolo Francesco, all’insorgenza della malattia, sia telefonicamente che via whatsapp, avrebbe “sottostimato il quadro clinico che indicava una infezione di elevata gravità”, trascurando i sintomi della sua “evoluzione ascessuale”, prescrivendo inoltre una terapia esclusivamente a base di medicinali omeopatici, senza terapie antibiotiche.

Francesco Bonifazi venne portato in ospedale solo quando ormai era troppo tardi e nessuna terapia messa in atto al Selesi riuscì a salvargli la vita.

Fonte: Fanpage

Condividi

Luigi Graziano Di Matteo

Bonus bollette,nuove fasce e classe di consumo: ecco cosa cambia
bollette
Bonus bollette,nuove fasce e classe di consumo: ecco cosa cambia
L’8 Dicembre Clementino al “Pozzuoli S’move”
Associazione “Zona Darsena”
L’8 Dicembre Clementino al “Pozzuoli S’move”