Bambino di 2 anni veglia la madre morta per 5 giorni

sei in  Cronaca

di  Redazione

Bambino di 2 anni veglia la madre morta per 5 giorni

1 Settembre 2018

Condividi

BOGOTÀ – Un bambino di appena due anni è vissuto per cinque giorni accanto al cadavere della mamma, una modella venezuelana a quanto sembra strangolata il 20 agosto nel suo appartamento situato a Cúcuta, nel nord-est della Colombia.

La scoperta, ha raccontato il quotidiano La Opinión, è stata fatta venerdì scorso a causa del forte odore prodotto dal processo di decomposizione del cadavere della donna. La polizia, chiamata dai vicini, ha sfondato la porta trovandosi di fronte ad una vera e propria tragedia.

Il corpo della madre era riverso al suolo con evidenti segni di violenza fisica, mentre il bimbo era seduto, sporco e, precisa il giornale, con «alcuni vermi nella bocca». La sua sopravvivenza sarebbe stata assicurata da alcuni dolci che la donna aveva preparato in precedenza per il figlio e per l’acqua contenuta in una bottiglia a portata di mano.

Le indagini hanno permesso di appurare che la vittima si chiamava Jennifer Ramírez Rivero, che era disegnatrice di moda e modella. Era figlia di genitori colombiani ma nata a San Cristóbal, nello Stato venezuelano di Tachira.

In Venezuela aveva avviato un’attività commerciale nel settore dell’abbigliamento e degli accessori (con le marche Mac River e Jen River) che all’inizio era andata bene, ma che era stato spazzato via dalla crisi economica venezuelana degli ultimi anni. Da qui la decisione di trasferirsi prima in Colombia, prima a Bucaramanga e poi a Cúcuta, dove però viveva vendendo torte, in attesa di avere abbastanza denaro per recarsi in Argentina, dove aveva una promessa di lavoro.

Il bambino sopravvissuto alla tragedia, di cui non si conosce il padre, è stato ricoverato in un ospedale di Cúcuta, sotto controllo dell’Istituto del Benessere della famiglia colombiano.

Cronaca

Bimbo di 7 anni muore in casa: stroncato da un infarto Strage all’asilo : continuano le indagini. “Tommaso, prenditi cura dei tuoi compagni feriti”
leggi articoli di  Cronaca
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST