Retenews24.net
Cerca nel sito - Vai alla pagina di ricerca

Temi principali

Argomenti

Bambina di 11 anni colpita da un pallino di piombo alla testa, stava giocando in un parco pubblico

7 Luglio 2023 - 8:30

Bambina di 11 anni colpita da un pallino di piombo alla testa, stava giocando in un parco pubblico

Nel quartiere Corea di Livorno, una bambina di 11 anni stava giocando in un parco pubblico, quando è stata colpita alla testa da un pallino. In un primo

momento era sembrato un proiettile di plastica probabilmente sparato con una pistola o un fucile ad aria compressa. Dopo i primi

accertamenti al pronto soccorso, la piccola era stata medicata e dimessa il giorno stesso. Quattro giorni dopo l’incidente, la piccola viene accompagnata una

seconda volta in ospedale per forti dolori. Dopo una Tac di controllo viene scoperto un corpo estraneo: si tratta di un pallino di piombo che le si era

conficcato nel cuoio capelluto. La bambina è stata poi nuovamente medicata e dimessa con sette giorni di prognosi. Secondo le prime indagini degli agenti, il

proiettile potrebbe essere stato sparato da delle palazzine che si affacciano sulla pineta dove la piccola stava giocando insieme a dei coetanei. Sarebbero partiti

alcuni colpi e poi le urla della bambina avrebbero fatto accorrere i genitori. Dopo le prime indagini, un gruppo di familiari e amici si è radunato e

ha cominciato a rivolgere insulti verso un appartamento in particolare: si tratta dell’ abitazione di un pensionato di 73 anni che più volte si era

lamentato del rumore provocato dai ragazzi nel parco la sera. Quando gli agenti sono andati a interrogare l’uomo e a perquisirne l’appartamento un

mattone proveniente dal parco ha rotto una finestra. L’uomo è stato trovato in possesso di un’arma ma, regolarmente detenuta, e non capace di

sparare pallini ma piuttosto proiettili veri. Il pensionato si è dichiarato estraneo ai fatti e la perquisizione domiciliare ha dato esito negativo. Per il ferimento della bambina al momento non risultano altri indagati. Fonte tgcom24.

Continua la lettura